menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Violenza sulle donne, percorsi formativi contro ogni discriminazione

Coinvolti istituti scolastici di Castellarquato, Fiorenzuola e Piacenza. Zanardi Landi: a scuola i ragazzi imparino a mettere in discussione stereotipi e condizionamenti, a gestire i conflitti senza far ricorso alla violenza

Il 25 novembre 2015 alle 16.30 verranno avviati i percorsi “Amore e violenza - percorsi formativi per un'identità di genere contro la discriminazione e per fermare la violenza” presso la Scuola Media di Castellarquato in via Pontenuovo, 22, alla presenza della Presidente del tavolo Provinciale contro la violenza alle donne, la Cons. provinciale Gloria Zanardi, dei rappresentanti delle Forze dell'Ordine, del Centro antiviolenza Telefono Rosa Piacenza e del Centro Italiano per la promozione della Mediazione. Saranno coinvolti n. 14 insegnanti della Scuola primaria e n. 6 insegnanti della Suola Secondaria di primo grado.

Seguirà l'avvio di altri 3 percorsi presso l'istituto comprensivo di Fiorenzuola ( il 2/12/2015) e di uno a Piacenza (avvio previsto il 18/01/2016).

Il consilgiere provinciale Gloria Zanardi ha dichiarato: “A Piacenza dal novembre 2011 è operativo nella nostra provincia un Tavolo provinciale di confronto contro la violenza alle donne, che ha condiviso come una delle prime attività da realizzare, l'erogazione di percorsi formativi rivolti ad insegnanti di ogni ordine e grado e di tutto il territorio provinciale. È nella scuola, infatti, che ragazzi e ragazze compiono un percorso fondamentale di crescita culturale e umana, imparano a mettere in discussione stereotipi e condizionamenti, a gestire i conflitti senza far ricorso alla violenza, a riconoscere e ad accettare le differenze che contraddistinguono l'individualità, nel rispetto reciproco e nel rifiuto della violenza; significativo quest'anno che l'avvio di tali corsi coincida proprio con la Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne”.

Il 25 novembre di ogni anno, infatti, si celebra la Giornata Internazionale contro la violenza alle donne. Tramite, infatti, la risoluzione numero 54/134 del 17 dicembre 1999, l'Assemblea Generale delle Nazioni Unite ha designato il 25 novembre come Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne e ha invitato i governi, le organizzazioni internazionali e le ONG a organizzare attività volte a sensibilizzare l'opinione pubblica in quel giorno.

L'Assemblea Generale dell'ONU ha ufficializzato una data che fu scelta da un gruppo di donne attiviste, riunitesi nell'Incontro Femminista Latinoamericano e dei Caraibi, tenutosi a Bogotà nel 1981. Questa data fu scelta in ricordo del brutale assassinio nel 1960 delle tre sorelle Mirabal, considerate esempio di donne rivoluzionarie per l'impegno con cui tentarono di contrastare il regime di Rafael Leónidas Trujillo (1930-1961), il dittatore che tenne la Repubblica Dominicana nell'arretratezza e nel caos per oltre 30 anni.

Nell'ambito del Tavolo Provinciale di confronto contro la violenza sulle donne, che da sempre è impegnato nella sensibilizzazione e prevenzione sul tema, è stato ideato questo percorso formativo denominato “Amore e violenza - percorsi formativi per un'identità di genere contro la discriminazione e per fermare la violenza” finalizzato a supportare le/gli insegnanti nella comprensione di atteggiamenti e condotte, nell'eventuale riscontro di segni e sintomi negli studenti che potrebbero rivelare segnali di violenza e, conseguentemente, valutare quali comportamenti e procedure sono da adottarsi in tali situazioni.

La proposta si è concretizzata nella realizzazione di 8 percorsi formativi negli anni scolastici 2012/2013 e 2013/2014.

In continuità con questa esperienza, in attuazione del Programma per la prevenzione e il contrasto della violenza di genere e intrafamiliare, approvato congiuntamente dai tre distretti socio-sanitari (distretto Città di Piacenza, distretto di Ponente e distretto di Levante) e avvalendosi delle risorse stanziate dal medesimo Programma, si ripropone l'iniziativa dei percorsi “Amore e violenza-percorsi formativi per un'identità di genere contro la discriminazione e per fermare la violenza”, articolata nelle seguenti proposte:

PERCORSO PER INSEGNANTI (di livello BASE E SPECIALISTICO)

I percorsi avranno una durata di 8 ore e saranno articolati in 4 incontri dedicati alle seguenti tematiche, affrontate, pur con modalità differenti, sia nel percorso base che in quello specialistico:

aspetti normativi e legali;

aspetti teorici: gli stereotipi, esame delle varie forme di violenza con particolare riferimento a quella psicologica;

parallelismo tra i comportamenti che caratterizzano la violenza di genere e i comportamenti di “bullismo”;

INCONTRI DI SENSIBILIZZAZIONE CON I GENITORI

Accanto alla proposta formativa per insegnanti, si prevede la possibilità di realizzare incontri con i genitori, della durata di due ore, centrati sui temi della responsabilità genitoriale e sul riconoscimento dei comportamenti del figlio rispetto ai possibili eventuali ruoli, sia quello di vittima sia quello di artefice di comportamenti prevaricanti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Case di riposo, quaranta ospiti in tutto il Piacentino rifiutano il vaccino

  • Cronaca

    In futuro vaccinazioni anche a Bobbio e a Bettola

Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento