rotate-mobile
Lunedì, 24 Gennaio 2022
Economia

«Agricoltura e zootecnia in ginocchio: a rischio semina e produzione 2022»

Il grido d’allarme viene dalla Cia-Agricoltori Italiani in merito ai rincari vertiginosi che stanno impattando, pesantemente, sui costi di produzione di milioni di imprese agricole nazionali, spinte al limite della sostenibilità e, quindi, a rischio interruzione attività

I prezzi di concimi, gasolio ed energia, ma anche di plastiche per il confezionamento, sono arrivati alle stelle, raddoppiati e portati anche oltre il 50%. Cavalcando la crisi economica per l’emergenza sanitaria, si sta speculando sulle materie prime, mettendo in seria difficoltà la produzione agricola e zootecnica di un intero Paese, quando in realtà è il motore agroalimentare su cui si è sostenuta l’Italia per quasi due anni di pandemia. Il grido d’allarme viene dalla Cia-Agricoltori Italiani in merito ai rincari vertiginosi che stanno impattando, pesantemente, sui costi di produzione di milioni di imprese agricole nazionali, spinte al limite della sostenibilità e, quindi, a rischio interruzione attività.

«Anche Piacenza - ribadisce il presidente Franco Boeri - non c’è settore al riparo. La semina e la pre-semina di grano e, quindi, la produzione 2021-2022 è in forte discussione per molte aziende perché questo consistente aumento dei prezzi della materia prima, non arriverà mai a pareggiare quello dei costi di produzione e nello specifico di concimi come il nitrato ammonico, salito a +30% (da 46 euro/qt a 75 euro/qt) e dell’urea aumentato del 40% (da 55 euro/qt a 88 euro/qt)».

«Sostanze che sono, ovviamente, altrettanto importanti per la preparazione di gran parte dei terreni agricoli e per molte altre colture di stagione, fino a incidere su quantità e qualità del prodotto finale. Stesso discorso può farsi per il comparto zootecnico e allevatoriale. I rialzi su mais (+50%) e soia (+80%) rendono decisamente poco remunerativa la produzione di carne di qualità controllata, soprattutto dove ci sono contratti di filiera con le principali catene della Grande distribuzione. E ancora - spiega - i rincari fino al 50% su gasolio, energia e plastiche, oltre quelli sugli alimenti per gli animali, mettono ko gli allevatori di vacche da latte per i quali è già una sfida, la conquista di un aumento di almeno 5 cent al litro sul prezzo del latte». «I pochi allevatori che sono rimasti in montagna, presidio indispensabile per il territorio e che sopravvivono grazie alla multifunzionalità, rischiano di chiudere e così si perderebbe un valore etico-sociale fondamentale. Si parla tanto di sostenibilità, ma questo sostantivo deve valere anche per il reddito, non solo per l’ambiente. In più- sostiene Boeri- non possiamo nascondere che si tratta anche di un momento di forte speculazione e pertanto bisogna intervenire, come tutte le organizzazioni di settore sostengono da tempo, lungo la catena del valore e della distribuzione».

«Va reso democratico e trasparente il processo di redistribuzione del valore che paga il consumatore finale; gli agricoltori come categoria hanno poco peso politico-sociale nonostante siano definiti “settore primario” ed ancora di più oggi non hanno alcuna garanzia di reddito. Per questo - conclude Boeri - il potere politico e le istituzioni devono vigilare su quanto sta accadendo  per non far perdere seriamente per la competitività e la professionalità delle imprese italiane che generano prodotti di alta qualità che tutto il mondo ci invidia. Pensiamo per la nostra provincia al pomodoro, ai formaggi, all’aglio, ma anche a tutti i cereali, alle produzioni di nicchia della montagna, ai nostri splendidi salumi Dop: si rischia veramente di perdere, ucciso dalla globalizzazione e dallo strapotere di economie emergenti, un patrimonio di saperi e sapori, di cultura e quindi la priorità rappresentata dal reddito». «Per questo  - aggiunge - serve un vero e proprio “patto di sistema” che incentivi aggregazione, promozione unitaria, sviluppo dell’economia contrattuale, contrasto alle pratiche commerciali sleali e operatività piena dell’interprofessione compresa ovviamente la G. D.O ed i consumatori che sono poi l’anello debole della catena unitamente agli agricoltori. Altrimenti ci si può dimenticare il raggiungimento di standard di sostenibilità degni del Green Deal Ue».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

«Agricoltura e zootecnia in ginocchio: a rischio semina e produzione 2022»

IlPiacenza è in caricamento