Attenti a sistemare il vostro verde

Perfino nella manutenzione del verde, mette mano uno stato che non si regge più: non fa quel che deve, ma in compenso fa quel che non deve. È passata sotto un silenzio assordante (anche gli ecologisti, non si sono fatti vivi) la legge – recentemente andata in Gazzetta – che, fra tante norme delega di complicazione (così è da chiamarsi, oggi, la “semplificazione” alla quale, secondo il titolo ufficiale, dovrebbe ispirarsi certa normativa), ne reca una di regolamentazione dell’“esercizio dell’attività di manutenzione del verde”. Stabilisce questa disposizione che “l’attività di  costruzione, sistemazione e manutenzione del verde pubblico o privato affidata a terzi” può essere esercitata solo 1) dagli iscritti al Registro ufficiale dei produttori (probabilmente, i promotori della legge…), tenuto dal Servizio fitosanitario nazionale (i cui burocrati – anch’essi avranno dato una mano… – saranno probabilmente lieti di avere qualcosa da fare, ed anche – sempre probabilmente – da tassare); 2) dalle imprese agricole, artigiane, industriali o in forma cooperativa, iscritte al registro delle imprese, “che abbiano conseguito un attestato di idoneità che accerti il possesso di adeguate competenze”(e l’attestato – naturalmente – potrà essere conseguito solo con corsi di formazione – il nuovo business, agricolo e non – , la cui regolamentazione è lasciata – per legge – al “buoncuore” delle Regioni e delle Province autonome). Il tutto, preoccupandosi lo stato – è una precisa disposizione di questa insulsa legge – solo che l’attuazione della normativa in parola non comporti “nuovi o maggiori oneri  a carico della finanza pubblica”. Quanto ai contribuenti, invece, peggio per loro, così impareranno a restare nel Bel paese. E poi – dopo queste idiozie corporative – fanno anche finta di meravigliarsi che gli stranieri non vengano ad investire in Italia (se non per portarci via – ma di questo, nessuno parla; solo i cittadini italiani che esportano illegalmente denaro, ci rovinano – gli utili delle aziende, e delle banche, che acquistano).

di Corrado Sforza Fogliani, presidente Centro studi Confedilizia

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Al fisco 5mila euro e lavoratori in nero ma in casa un tesoro da mezzo milione: ristoratori indagati

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • Piacenza e l'Emilia-Romagna in zona arancione: quello che c'è da sapere

  • Animale sulla strada, si ribalta tra il guard rail e il muro di una casa

  • Con la caldaia rotta accendono il gas per scaldarsi, famiglia intossicata

  • In auto centra tre vetture in sosta e si ribalta. Illeso

Torna su
IlPiacenza è in caricamento