Campagna 2013 sempre più difficile: consegnato solo il 39% del pomodoro contrattato

E' una campagna che si conferma sempre più difficile quella in corso nel Distretto del Pomodoro da Industria del Nord Italia. Ad oggi raccolta la meta' del prodotto rispetto allo stesso periodo del 2012

E’ una campagna che si conferma sempre più difficile quella in corso nel Distretto del Pomodoro da Industria del Nord Italia.

I dati raccolti dal Distretto – l’Organizzazione Interprofessionale che rappresenta il 99 per cento della filiera del pomodoro da industria del Nord Italia – mostrano un quadro particolarmente critico visto che ad inizio settembre la quota del prodotto consegnato su quanto contrattato si attesta soltanto al 39,47 per cento. L’unica nota positiva arriva dalla buona qualità del pomodoro, con un brix medio ponderato pari a 5, ma il problema principale resta la scarsità di materia prima come dimostra il confronto con l’andamento delle campagne degli anni passati: nello stesso periodo del 2012 si era già consegnato il 67 per cento del contrattato, mentre nel 2011 si era addirittura al 71 per cento. Per dare un’idea del ritardo e delle difficoltà del 2013 la percentuale di raccolta attuale, prossima al 40 per cento, era stata raggiunta, rispetto a quest’anno, con due settimane d’anticipo nel 2012 e addirittura con tre settimane d’anticipo nel 2011.

Il 39,47 per cento attualmente raggiunto corrisponde a 981.547 tonnellate conferite rispetto a 1.720.036 t. dello scorso anno ed a 1.922.418 t. di due anni fa. In sostanza manca ancora quasi la metà del pomodoro rispetto agli anni passati, e con l’attuale andamento della campagna non è facile pronosticare recuperi particolarmente significativi, vista l’incognita del maltempo che, come già accaduto nei mesi scorsi, potrebbe ulteriormente condizionare in negativo l’andamento della campagna in corso nel mese di settembre.

La campagna di quest’anno, partita già con una contrazione delle superfici effettive del 12,8%, pari a - 4.289 ettari rispetto al 2012, è stata fortemente condizionata dal maltempo primaverile, che ha fatto slittare i trapianti di un mese ed anche il tendenziale recupero che il Distretto aveva auspicato tra fine agosto e inizio settembre, è stato complicato da condizioni atmosferiche non del tutto favorevoli alla maturazione del pomodoro.

Al momento attuale è ancora difficile fare previsioni, ma vista la lentezza della campagna imputabile ai ritardi nella semina, ai conseguenti ritardi nella raccolta causati dal maltempo e alla difficoltà di maturazione del prodotto, potrebbero esserci dei problemi nel raggiungimento degli obiettivi produttivi e si potrebbe determinare un significativo ammanco del prodotto richiesto sul mercato.

Ad oggi, tuttavia, il Distretto non ha ancora formulato nessuna previsione sulle quantità che saranno complessivamente raccolte a fine campagna né sull’ammanco prevedibile di materia prima.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Da parte del presidente del Distretto del Pomodoro da Industria del Nord Italia Pier Luigi Ferrari è arrivato un nuovo invito alla coesione per la compattezza della filiera. «Il momento non è certo dei più facili viste le tante difficoltà che si sono dovute affrontare nel corso di questa campagna – ha commentato Ferrari -, ma il Distretto garantisce il massimo impegno negli ambiti di propria competenza affinché le problematiche possano essere superate con successo e si possa favorire un comparto che produce una delle eccellenze economiche italiane».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scontro tra due camion in autostrada, muore 56enne piacentino

  • Si schianta in moto contro un'auto che fa inversione, giovane all'ospedale

  • Norme anti covid, multati due locali aperti dopo mezzanotte. Nei guai anche un cliente senza mascherina

  • Sbanda con l'auto e si ribalta, è grave

  • Ladri sfondano l'ingresso e portano via le bici da corsa, fallisce il colpo da Raschiani

  • Ennesimo tragico infortunio sul lavoro, agricoltore muore schiacciato dal trattore

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento