Cibp-Link, Gianmarco Maiavacca a rappresentare la Banca di Piacenza a Casablanca

Gianmarco Maiavacca

Prosegue – dopo la prima tappa estiva tenutasi a Montabaur (Germania) - l’XI edizione del programma di formazione interculturale per manager ad alto potenziale di crescita CIBP-LINK, ideato ed organizzato da CIBP, organizzazione internazionale che riunisce le banche popolari e cooperative di tutto il mondo: si parlerà di leadership. Tra i 12 partecipanti solo due sono italiani e uno di questi è – come già sottolineato in occasione della prima tappa in Germania – il dott. Gianmarco Maiavacca (Segreteria Comitato esecutivo della Banca di Piacenza). Maiavacca volerà domani a Casablanca (Marocco) dove si tratterrà fino a lunedì 20 novembre prossimo. I cicli di formazione sono progettati per stabilire e mantenere una forte rete di contatti tra gli operatori del settore bancario cooperativo, per migliorare le capacità manageriali e le capacità di leadership dei partecipanti (in un ambiente diversificato e complesso) e per coltivare competenze interculturali. Ogni ciclo di formazione si concentra su di un tema specifico: sviluppo strategico, leadership, innovazione nella performance finanziaria e cooperativa. “E’ un grande traguardo per la nostra Banca – dichiara il Presidente del Comitato esecutivo della Banca di Piacenza Corrado Sforza Fogliani – quello della partecipazione di un piacentino al prestigioso programma CIBP-LINK, programma che consentirà al dott. Maiavacca anche di far conoscere la bella realtà della nostra banca locale a livello internazionale”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le spaccano la faccia contro una cancellata per rapinarla della borsa

  • Scaraventano un cancello contro la polizia per scappare dopo il colpo: quattro arresti

  • Cacciatore cade in un dirupo e muore

  • Cene e ritrovi clandestini in due locali, blitz della finanza: multa per tutti e attività sospesa

  • L'annuncio di Bonaccini: «La regione torna “zona gialla” da domenica»

  • Il divieto di spostamento tra comuni non piace a nessuno: «Così non potranno vedersi genitori e figli»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento