Confedilizia: "Ecco perché non partecipiamo all'Agenzia per l'affitto"

La nota di Confedilizia

"In merito alla nuova Agenzia della Locazione, di cui si è parlato sulla stampa locale, la Confedilizia di Piacenza rende noto di essere stata interpellata, alcuni
mesi fa, da coloro che hanno promosso l'iniziativa ai quali – dopo aver esaminato dettagliatamente e scrupolosamente il Regolamento e la connessa documentazione – ha chiesto informazioni (e suggerito alcune modifiche) cui però non è stata data alcuna risposta. Ecco quindi qual'è il motivo per cui l'Associazione dei proprietari non aderisce all'Agenzia per l'affitto. Nel corso del contatto avuto con i promotori dell'Agenzia la locale Confedilizia aveva evidenziato come il fondo previsto appaia incerto e insufficiente quale garanzia e come l'Agenzia della locazione, così come è strutturata, non tuteli sufficientemente la proprietà in quanto presenta diverse problematiche penalizzanti per i proprietari delle unità immobiliari oggetto dei rapporti di locazione (in relazione ai contratti e agli obblighi connessi, ai criteri di scelta dei conduttori, ecc...). L'Organizzazione della proprietà edilizia è invece decisamente più favorevole al fatto che siano i Comuni a prendere direttamente in locazione gli immobili, senza passare attraverso sovrastrutture dispendiose, inutili e di non sufficiente garanzia. Da ultimo la Confedilizia di Piacenza gradirebbe sapere da chi è composto il tavolo provinciale di concertazione delle politiche abitative nel quale sarebbe stata approvata l'Agenzia". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • Brugnello, Rivalta, Vigoleno: Valtrebbia e Valdarda grandi protagoniste a "Linea Verde"

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

  • «Disobbedire e aprire i locali? Non ha senso. La vera protesta sarebbe chiuderli: stop a delivery e asporto»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento