Giornata del Ringraziamento, da domenica le celebrazioni

«Il Ringraziamento - afferma Marco Crotti presidente di Coldiretti Piacenza - è il giorno più importante dell'anno per Coldiretti poiché è il giorno in cui riscopriamo il valore di dire grazie e di essere felici per ciò che abbiamo e per ciò che siamo»

“Egli dà il cibo ad ogni vivente, perché il suo amore è per sempre” queste le parole del salmo 136 che aprono il messaggio a cura della CEI, la Conferenza Episcopale Italiana, per la 66esima Giornata Nazionale del Ringraziamento che anche gli agricoltori di Piacenza si apprestano a celebrare. 

Avranno infatti luogo domenica 13 novembre alle ore 11.00 le prime celebrazioni zonali della Giornata del Ringraziamento, presso le chiese parrocchiali di Caorso e  Castel San Giovanni: un momento importante per tutti gli agricoltori in cui, dopo un anno di lavoro ci si ferma per rendere grazie al Signore per i frutti della terra, tanto aspra  da lavorare quanto generosa nei suoi frutti.  Le celebrazioni delle Giornate zonali del Ringraziamento proseguiranno domenica prossima 20 novembre con le sante messe a Podenzano alle ore 11.00, a Magnano di Carpaneto alle ore 10.30, a Pecorara alle ore 11.00, a Vigoleno e a Bacedasco Basso alle ore 10.00. Gli agricoltori di tutta la provincia si ritroveranno poi domenica 27 novembre, alle ore 10.30, alla Chiesa Parrocchiale di Santa Maria Assunta a Agazzano per la 66° Giornata Provinciale del Ringraziamento con la solenne celebrazione del Vescovo di Piacenza-Bobbio Monsignor Gianni Ambrosio. 

“Il Ringraziamento, afferma Marco Crotti, presidente di Coldiretti Piacenza, è il giorno più importante dell’anno per Coldiretti poiché è il giorno in cui riscopriamo il valore di dire grazie e di essere felici per ciò che abbiamo e per ciò che siamo, una rete di famiglie. I dettati dell'ispirazione cristiana ai quali ci rifacciamo, ci consegnano la terra quale bene comune da lavorare nel rispetto e nella custodia della sua integrità ed è proprio con questo compito di valorizzazione del creato che contribuiamo attivamente al sostentamento delle genti.”

Se lo scorso anno la comunità agricola ha potuto riflettere sul valore del suolo - bene comune, fa sapere Coldiretti Piacenza, quest’anno affronta il tema della vita, garantita grazie al cibo sano e genuino che egli stessa produce in modo sostenibile e diversificato, e riflette sul significato profondo del legame con la terra per mantenere gli equilibri del territorio e la produzione del cibo necessario per il futuro dell’umanità.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Carla non ce l'ha fatta, il suo alpino Stefano la piange dopo la serenata davanti all'ospedale

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • «Noi facciamo sesso, licenziateci tutte». Il Centro Tice prende posizione sul caso della maestra di Torino

  • Con la caldaia rotta accendono il gas per scaldarsi, famiglia intossicata

  • Nuova ordinanza della Regione: aperti i negozi nei festivi. Ma si rimane in fascia arancione

  • In auto centra tre vetture in sosta e si ribalta. Illeso

Torna su
IlPiacenza è in caricamento