Lunedì, 18 Ottobre 2021
Economia Pontenure

Made in Italy di successo: Italtherm chiude il 2018 con +35% di fatturato e + 25% di assunzioni

Oltre 33 milioni di euro, con un aumento del 35% rispetto al 2017 e di cui la metà nell'export, il fatturato di Italtherm, una delle aziende leader nel settore del riscaldamento autonomo e centralizzato

Oltre 33 milioni di euro di fatturato, con un aumento del 35% rispetto al 2017, per una realtà emiliana che ha scelto di non delocalizzare e di scommettere sui giovani e sul know how Made in Italy. E’ questo il bilancio annuale di Italtherm, azienda innovativa nel settore del riscaldamento autonomo e centralizzato, nata 6 anni fa ma con un'esperienza trentennale nel settore. Italtherm nasce nel 2011 per volere di Paolo Mazzoni dalle ceneri di un’altra azienda, la Hermann, fondata nel 1970 da Mazzoni stesso a Pontenure, in provincia di Piacenza. Italtherm-2

Nel 2007, con l’intenzione di aprire al mercato estero, la Hermann era stata venduta ad un gruppo internazionale che tuttavia aveva poi deciso per la chiusura della produzione italiana, con conseguente delocalizzazione e licenziamento dei dipendenti dello stabilimento di Pontenure. «Dopo la chiusura ci siamo rimboccati le maniche e abbiamo avviato un nuovo progetto, coinvolgendo il personale rimasto disoccupato e riaprendo lo storico stabilimento di Pontenure. Grazie all’esperienza decennale, abbiamo messo a punto prodotti innovativi e dato vita ad una nuova azienda di successo», racconta Paolo Mazzoni, fondatore di Italtherm.

Gli sforzi sono stati ripagati e nel 2018 Italtherm ha toccato quota 65.000 caldaie vendute. Inoltre, dal 2012 al 2018 l'organico dell'azienda è più che triplicato, passando da 30 a 100 dipendenti. In particolare, tra il 2017 e il 2018 la crescita del personale è stata pari al 25%, grazie all’arrivo di 20 nuove risorse.  E c’è tutta l’intenzione di crescere ancora: Italtherm infatti ha annunciato di aver aperto 5 posizioni in area tecnica e di essere alla ricerca di ingegneri elettronici e termotecnici per lo sviluppo di nuovi prodotti legati alle energie rinnovabili.

«Siamo molto orgogliosi dei risultati ottenuti, di quello che abbiamo costruito e dei nostri obiettivi per il futuro» - spiega Pietro Giannotta, direttore commerciale Italtherm. «Italtherm investe costantemente nella ricerca per offrire prodotti e servizi sempre più innovativi e in grado di coniugare efficienza energetica, sostenibilità, design e sicurezza». Lo dimostra la nuova caldaia a condensazione City Top, appena lanciata sul mercato e caratterizzata dal più elevato campo di modulazione che le consente di adattarsi all’effettivo fabbisogno termico dell’abitazione, riducendo il numero di accensioni e spegnimenti e diminuendo il consumo di gas e le emissioni inquinanti. In più, l’estetica elegante di City Top è frutto della creatività dello Studio Italdesign, del famoso designer Giorgetto Giugiaro.

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Made in Italy di successo: Italtherm chiude il 2018 con +35% di fatturato e + 25% di assunzioni

IlPiacenza è in caricamento