«Così cresciamo insieme». La Fondazione compie 25 anni

In programma due spettacoli per festeggiare i 25 anni della Fondazione di Piacenza e Vigevano, mercoledì 28 settembre presso la Galleria Ricci Oddi e venerdì 30 settembre in Piazza Cavalli

Massimo Toscani, Presidente della Fondazione di Piacenza e Vigevano

"Da 25 anni cresciamo insieme - così il Presidente della Fondazione di Piacenza e Vigevano Massimo Toscani commenta l'iniziativa Emozioni di Teatro e Poesia, due spettacoli per festeggiare l'importante anniversario della Fondazione - proprio per ricordare insieme questi venticinque anni di attività abbiamo voluto creare due occasioni di incontro e di festa, all’insegna del teatro e della poesia, e offrirle al pubblico piacentino entro due cornici suggestive e significative: la Galleria d’arte moderna Ricci Oddi e Piazza Cavalli".

Sono intervenuti alla presentazione dell'iniziativa anche l’assessore alla Cultura del Comune di Piacenza Tiziana Albasi, il  direttore della Galleria Ricci Oddi Maria Grazia Cacopardi, i registi dei due spettacoli Nicola Cavallari e Monica Maimone e il direttore del Museo della Poesia Massimo Silvotti.

"Mi auguro che i piacentini sapranno apprezzare questi spettacoli che offriamo alla città e che per noi sono l’occasione per ribadire oggi più che mai in questi tempi di emergenze sociali, che l’azione della Fondazione vuole essere di inclusione e di coinvolgimento della collettività, all’insegna del lavoro di squadra e del fare 'rete' con le istituzioni e le realtà che rappresentano a vario titolo il territorio, nell’interesse di tutti".

Il primo spettacolo si intitola LIFE ed è in programma mercoledì 28 settembre alle 21 alla Galleria Ricci Oddi. Sarà riservato ad un pubblico limitato, che sarà accolto da un poliedrico ensemble di artisti straordinari e guidato nel mondo magico e poetico di LIFE. Lo spettacolo narra le Età della vita attraverso le parole di grandi poeti: Rudyard Kipling, Lorenzo de’ Medici, Wisława Szymborska, Nazim Hikmet. E poetiche sono anche le figurazioni simboliche, le sculture e gli oggetti animati che accompagnano lo spettatore durante questo viaggio. Ogni tappa dello spettacolo ricorderà allo spettatore che la Vita è qualcosa di magico e meraviglioso, anche se spesso, vittime della quotidianità, tendiamo a dimenticarlo
Progetto e regia sono firmati da Nicola Cavallari. Gli ingressi per assistere saranno rilasciati fino ad esaurimento posti presso la sede della Fondazione, previa prenotazione telefonica al n. 0523.311111.

…DI CAVALLI E ALTRE STORIE è il titolo del secondo spettacolo, che avrà luogo in Piazza Cavalli venerdì 30 settembre alle 21. Rivolto ad un vasto pubblico, lo spettacolo è incentrato sullo stupore e la meraviglia, con le statue equestri del Mochi che diventano l’ispirazione per un’avventura fantastica. Un bimbo chiede al nonno la storia degli eroi e dei cavalli che stanno sulla piazza di Piacenza e il racconto diventa una favola di principi, cavalli e creature immaginarie. Si tratta di uno spettacolo unico fatto di grandi installazioni, frutto di un’esperienza artistica senza uguali nella creazione di eventi a cielo aperto, tra macchine sceniche, danza aerea, videoproiezioni su edifici e schermi, figurazioni rituali.

Lo spettacolo è firmato dalla regista Monica Maimone, ha la collaborazione artistica di Motus Modules e la produzione Studio Festi by Mymoon. Alla sua realizzazione hanno contribuito anche il Liceo Scientifico e il Liceo Gioia, l’Accademia di Danza Domenichino da Piacenza, Choròs - il Balletto di Piacenza e gli attori della Società Filodrammatica Piacentina.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le spaccano la faccia contro una cancellata per rapinarla della borsa

  • Scaraventano un cancello contro la polizia per scappare dopo il colpo: quattro arresti

  • Cacciatore cade in un dirupo e muore

  • L'annuncio di Bonaccini: «La regione torna “zona gialla” da domenica»

  • Cene e ritrovi clandestini in due locali, blitz della finanza: multa per tutti e attività sospesa

  • Il divieto di spostamento tra comuni non piace a nessuno: «Così non potranno vedersi genitori e figli»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento