Una mostra per creare un legame tra le generazioni e ritrovare l'identità piacentina

Il 29 febbraio l'inaugurazione della mostra “Come eravamo:1940-1990, i cinquant’anni più precipitosi del secolo breve”, pensata dall’associazione “Gli Stagionati”

Uno degli oggetti in esposizione

Creare un legame tra le generazioni, immergersi e ritrovare l'identità piacentina: negli spazi offerti dal seminario vescovile di via Scalabrini è iniziato l’allestimento della mostra “Come eravamo:1940-1990, i cinquant’anni più precipitosi del secolo breve”, pensata dall’associazione “Gli Stagionati” per offrire uno spunto di riflessione sul nostro passato prossimo, in vista di uno sguardo sul nostro futuro.

«Con questa mostra - e più in generale come scopo dell’associazione - vogliamo essere di appoggio alla didattica scolastica per creare un legame tra generazioni diverse, portando vecchi giochi dei nostri tempi e raccontando quelli che erano i mestieri» spiega Loredana Mosti, vicepresidente dell’associazione. «Nel nostro gruppo sono presenti due veterani novantenni, ancora oggi energicamente sul campo per portare e trasmettere ai più giovani le tradizioni e le curiosità della nostra epoca».

La mostra sarà inaugurata sabato 29 febbraio alle 15 e resterà aperta dall’1 al 31 marzo dal lunedì al venerdì per le scuole su prenotazione, mentre al sabato e alla domenica pomeriggio con ingresso libero per tutti. Sarà composta da oggetti e pannelli illustrativi, oltre ad essere divisa in settori: lavoro, quotidianità, tecnologia, emigrazione, legislazione, divertimento e moda.

«Lo scopo non è quello di fare un salto indietro nel tempo, magari con uno sguardo malinconico: l’obiettivo è quello di far riflettere gli spettatori sulla situazione piacentina, su quella che era la posizione centrica della nostra città sul territorio, che ora più che mai si sta defilando. Vuole essere un viaggio immerso in quella che era l’identità piacentina, dagli anni ’40 ai giorni nostri, per comprendere quanto e come sono cambiate le cose, in meglio ma anche in peggio», conclude.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

mostra stagionati-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ruba scarpe da 40 euro ma nella mascherina ne ha più di 6mila: nomade denunciata

  • Tenta un sorpasso a velocità folle poi si ribalta e tenta di scappare a piedi: denunciato

  • Nina Zilli porta Guido Meda in giro per la Valtrebbia

  • San Polo, camion di pomodori si ribalta e perde tutto il carico

  • Diventano parenti al matrimonio e poi si picchiano al bar: due feriti e una denuncia

  • Rissa al Tuxedo, parla il gruppo dei campani: «Noi offesi, minacciati e insultati»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento