rotate-mobile
Venerdì, 20 Maggio 2022
Politica

Alternativa per Piacenza, al via la campagna social con un nuovo logo

È di Matilde Tacchini. Assemblea giovedì 9 dicembre su legalità con ospiti Liotti, Gazzola e il sindaco Zangrandi

Una plenaria speciale dedicata al tema della legalità e in contemporanea il lancio del logo e dei canali social di ApP. Alternativa per Piacenza, la coalizione di centrosinistra per le prossime amministrative 2022, entra in una fase decisiva che passa anche dall’accelerazione sulla scelta del candidato/a sindaco. Nel frattempo, giovedì 9 dicembre saranno ospiti di ApP sul tema legalità Antonella Liotti di Libera, Luigi Gazzola e il sindaco di Calendasco Filippo Zangrandi, nel cui territorio c’è un bene confiscato alle mafie e utilizzato per fini sociali. L’appuntamento è come di consueto alle ore 21 al teatro Trieste 34, quando con l’aiuto degli esperti si parlerà anche dei rischi dell’infiltrazione della ‘ndrangheta e si discuterà delle recenti polemiche attorno alle motivazioni della sentenza del processo per i carabinieri infedeli della Levante.

Sono state rese pubbliche, in queste ore, le pagine social di Alternativa per Piacenza: @alternativaperpiacenza2022 è il link da cercare sia su Instagram che su Facebook. Queste si vanno ad aggiungere all’indirizzo email per partecipare attivamente ai gruppi di lavoro (alternativaperpiacenza@gmail.com) e il canale Telegram. Il logo di ApP e la campagna di comunicazione sono ispirati al “Tangram”, un gioco popolare per bambini e adulti che attraverso l’unione di forme geometriche diverse crea nuove figure. L’autrice è Matilde Tacchini, art director e illustratrice attualmente in libreria con “Caro bambino…Una lettera da Babbo Natale” edito da Mondadori. Sotto il logo ufficiale di App campeggia la scritta su sfondo giallo “#casacomune”, il motto di ApP in questa fase. «Il logo è un elemento grafico formato da 4 triangoli di colore rosa, azzurro, verde e rosso, su sfondo verde e il claim #casacomune su sfondo giallo. Queste figure convergono verso il centro, e si muoveranno durante la campagna a comporre alberi, persone, case e nuvole come nel Tangram – viene spiegato in una nota da ApP – vuole simboleggiare la vera “alternativa” per i piacentini che è rappresentata dallo stare insieme, dal fare squadra e creare cose nuove, impensabili da soli. Quindi sarà un logo, quello di ApP, che vuole rappresentare questa unione: perché quando i piacentini si mettono insieme sono capaci di grandi cose, quelle che servono per la Piacenza del 2027».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alternativa per Piacenza, al via la campagna social con un nuovo logo

IlPiacenza è in caricamento