Bersani (Fi): «Fondamentale aiutare micro e piccole imprese nell’export»

I temi che stanno a cuore al candidato di Forza Italia alle prossime Elezioni Regionali, l'imprenditore Leonardo Bersani

Leonardo Bersani

«Le Micro e Piccole Imprese sono il motore dell’economia della Regione: gran parte degli occupati lavorano in queste realtà che sono nate dai sacrifici, dalla tenacia, dal desiderio di imprenditorialità e dalla competenza di chi le ha create. In particolare per la provincia di Piacenza, come per il resto della Regione, molte di loro fanno parte di un apprezzato sistema agro-alimentare. Ma queste eccellenze sono sovente lasciate sole nella loro possibilità di espandersi sui mercati, soprattutto quelli esteri, mentre la Regione, tramite appositi fondi che potrebbe recepire dall’Europa, poco fa per supportarli». Questa l’esplicita richiesta di Leonardo Bersani candidato a consigliere regionale per Forza Italia, imprenditore nel settore agro-alimentare, con un importante allevamento di vacche da latte nella stalla-modello “Villa Giardino” a San Polo di Podenzano e vicepresidente del Consorzio Agripiacenza latte, uno dei leader italiani nel comparto.

«Oggi – ricorda - con la crisi e il crollo della domanda interna, i manager di queste aziende sono chiamati a capire come le loro peculiarità qualitative che sono di fatto distintive, possano essere utilizzate per proseguire sulla strada della crescita. Una chiave di volta è sicuramente l’export. Ma nonostante le opportunità, sono poche e mal organizzate quelle che intrattengono rapporti consolidati con l’estero; certo a Piacenza c’è l’esempio virtuoso del Consorzio Piacenza Alimentare, ma è ancora troppo poco ed è quasi un unicum nel sistema regionale. Soprattutto per le imprese di piccole dimensioni, l’internazionalizzazione è un’attività nuova, presumibilmente una risposta alle difficoltà causate dalla crisi. In questa fase iniziare dunque un percorso di internazionalizzazione supportati da consulenti esperti e competenti può rivelarsi la scelta vincente».

«Per questo - ribadisce Bersani - la Regione deve farsi carico, tramite appositi bandi, di reperire i fondi, di creare strutture di aggregazione ed uffici commerciali con tecnici che offrano alle aziende metodi e strumenti utili ad affrontare i mercati esteri, per sviluppare le vendite, Leonardo Bersani-3perché queste micro-imprese, seppur di eccellenza, necessitano di una rete commerciale basata su strategie chiare e definite che consentano di conquistare nuovi spazi di mercato».

«Per fare ciò bisogna partire da dati analitici appositamente confluiti in un date-base che sappia chiarire la propensione all’export di un’azienda, analizzandone i punti di forza e di debolezza aziendali in relazione alla concorrenza e alla domanda; insomma comprendere se un’impresa sia pronta per affrontare un mercato estero o se, invece, sia meglio sviluppare alcune competenze aziendali necessarie prima di intraprendere attività di esportazione. La Regione deve sviluppare sportelli territoriali che supportino le imprese stesse».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ma c’è un’altra questione che sta a cuore del candidato alle Regionali Bersani ed è quella di diversi fondi Ue non utilizzati e che sono di competenza regionale, inerenti palestre e strutture sportive di cui la provincia di Piacenza, ma anche molte altri paesi e città della Regione, sono sprovviste o devono fare ricorso a strutture private pagando canoni costosi. «I fondi europei - sottolinea Bersani - ci sono ma non sono utilizzati per incompetenza, menefreghismo, cattiva volontà; la Regione deve mettere in grado società e realtà sportive, di potersi recare a Bruxelles dai funzionari competenti per poter accedere ai fondi, aiutarle a predisporre e compilare gli incartamenti per avere accesso ai bandi. L’attività sportiva - conclude Bersani - è fondamentale per l’aggregazione giovanile, ma anche per la prevenzione della salute. Dotare la nostra provincia di idonee strutture per le società sportive che già tanto si adoperano sul territorio, è una priorità che non deve essere trascurata. Insomma basta non utilizzare i numerosi fondi che sono a disposizione a Bruxelles e che sono alimentati in buona parte anche dall’Italia; un discorso che vale anche per il prossimo Psr e di cui ci occuperemo se vogliamo che anche la nostra agricoltura possa crescere, modernizzarsi e prosperare».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Esce di strada e si ribalta in un campo, muore a 32 anni

  • Ruba scarpe da 40 euro ma nella mascherina ne ha più di 6mila: nomade denunciata

  • Tenta un sorpasso a velocità folle poi si ribalta e tenta di scappare a piedi: denunciato

  • Nina Zilli porta Guido Meda in giro per la Valtrebbia

  • San Polo, camion di pomodori si ribalta e perde tutto il carico

  • Cavo nel bosco ad altezza gola, ciclista piacentino salvo per miracolo

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento