menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Tommaso Foti

Tommaso Foti

Foti: «Possibili irregolarità del Consorzio di Bonifica, la Regione chiarisca»

Foti (Fdi-An) afferma che un funzionario Urber avrebbe denunciato «L'illegittimo aumento dei contributi minimi, un finanziamento di opere private, che aveva portato a ipotizzare il commissariamento del Consorzio, e la spesa per una inaugurazione incongruamente definita tra le spese generali dell'intervento finanziato dal ministero delle Politiche agricole e forestali»

In un'interpellanza alla Giunta, il consigliere scrive che un funzionario Urber avrebbe denunciato «L'illegittimo aumento dei contributi minimi, un finanziamento di opere private, che aveva portato a ipotizzare il commissariamento del Consorzio, e la spesa per una inaugurazione incongruamente definita tra le spese generali dell'intervento finanziato dal ministero delle Politiche agricole e forestali».

Ripercorrendo la vicenda giudiziaria che ha visto «Un dipendente dell’unione regionale delle Bonifiche Emilia-Romagna (Urber) colpito da un provvedimento di licenziamento e successivamente risarcito e reintegrato, con ordinanza del 22 aprile 2015 disposta dal giudice del tribunale di Bologna in funzione di giudice del Lavoro, nel posto di lavoro», Tommaso Foti (Fdi-An) ha presentato una interpellanza alla Giunta per fare chiarezza su alcune dichiarazioni, riportate nel provvedimento giudiziario, relative a «Possibili irregolarità del Consorzio di Bonifica di Piacenza».

In particolare, sottolinea il consigliere «Il dipendente Urber aveva informato diversi funzionari della Regione su l’illegittimo aumento dei contributi minimi” e su un “contributo di finanziamento di opere private, che aveva portato a ipotizzare il commissariamento del Consorzio”, oltre a una irregolarità relativa a “un evento per l’inaugurazione "Agazzano Battibò", la cui spesa di 48.000 euro era stata incongruamente definita tra le spese generali dell’intervento finanziato dal ministero delle Politiche agricole e forestali».

Per queste motivazioni, il capogruppo Fdi-An chiede alla Giunta se «Corrisponda al vero la notizia che un funzionario della Regione Emilia-Romagna avesse effettivamente segnalato l’opportunità di procedere al commissariamento del Consorzio di Bonifica di Piacenza, attese, a suo dire, le reiterate violazioni di legge”, e in particolare vuole sapere “se esista una corrispondenza al riguardo, oltre alle ragioni per le quali il detto provvedimento di commissariamento non sia stato assunto».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento