Pontenure, anche Burzoni lascia la maggioranza: «Non c’era condivisione»

Sale a tre la pattuglia di fuoriusciti dal gruppo a supporto del sindaco Manola Groppi. È stato costituito il gruppo “Pontenure è un Bene Comune”: «Non c’è più la maggioranza»

I tre consiglieri di "Pontenure è un bene comune"

Il gruppo consiliare Pontenure è un Bene Comune rende noto che, a seguito della recente adesione della consigliera comunale Gloria Burzoni, il gruppo è attualmente composto da tre consiglieri comunali: Marco Cino, Giacomo Gnocchi e Gloria Burzoni. «Le motivazioni – fanno sapere i tre -  che ci hanno spinto a prendere le distanze dall’attuale amministrazione – e quindi dal gruppo Pontenure nel cuore di cui abbiamo fatto parte durante la campagna elettorale, in cui siamo stati eletti e abbiamo coabitato per un breve periodo amministrativo – non ci tolgono dalle nostre responsabilità verso tutti i cittadini che hanno creduto in un programma elettorale e in una futura squadra di governo cui anche noi abbiamo erroneamente creduto. I propositi di rinnovamento, dinamicità e trasparenza promessi in campagna elettorale si sono scontrati con un’azione amministrativa di segno palesemente opposto. Fin dal principio vi è stata mancanza di comunicazione delle scelte intraprese (e solo apparentemente condivise) e una gravissima assenza di fiducia del Sindaco Gruppi nei confronti delle diverse sensibilità che animavano il gruppo Pontenure nel cuore.

Un primo cittadino che non ha saputo, o forse non ha voluto, mettere in campo processi decisionali seriamente condivisi, e che è sempre più percepito distante dalla comunità che invece dovrebbe saper rappresentare. Oggi il Comune di Pontenure vede un’amministrazione retta da una “maggioranza” minoritaria in Consiglio Comunale, dove sui banchi dell’opposizione siedono due differenti gruppi consiliari con storie e sensibilità differenti che nei fatti superano per numeri la maggioranza (formata da 6 consiglieri contro i 7 delle opposizioni). Questo comunicato, frutto di numerose riflessioni e valutazioni, porta con sé un forte rammarico per la situazione amministrativa venutasi a creare; al contempo è con grande rispetto verso tutti i cittadini che riteniamo sia tempo di intraprendere un nuovo ciclo, un nuovo percorso amministrativo foriero di un reale e più che mai necessario rinnovamento».

Lega Nord Pontenure: "il Sindaco convochi subito un Consiglio Comunale per una verifica della maggioranza"

"A seguito del passaggio della consigliera Burzoni dal gruppo di maggioranza al gruppo "Pontenure è un bene comune", che si dichiara come minoranza, prendiamo atto che, numericamente, il Sindaco Manola Gruppi non ha più il sostegno della maggioranza del Consiglio Comunale, pertanto riteniamo opportuno capire se questa amministrazione possa avere un futuro ovvero si debba andare quanto prima a nuove elezioni e questa discussione non può che essere effettuata di fronte ai cittadini nell'ambito di un Consiglio Comunale ad hoc" dichiara Paola Carini, consigliere comunale e segretario della Lega Nord di Pontenure. "I cittadini meritano trasparenza, conseguentemente i colleghi Cino, Gnocchi e Burzoni devono dirci chiaramente se il loro passaggio alla minoranza rappresenta una forzatura nei confronti dell'Amministrazione, affinchè sposti l'asse delle politiche ancora più a sinistra, ovvero desiderano davvero dare un taglio netto alla situazione e ritornare alle urne. Dall'altro lato, il Sindaco Gruppi deve chiarire se ha ancora fiducia nella propria maggioranza e se eventualmente intende cedere alle pressioni della sinistra per concedere risorse per i loro programmi (probabilmente a favore dei migranti) e magari qualche posto in Giunta. Pertanto, ci auguriamo una convocazione a breve del Consiglio Comunale, dopodichè ognuno di noi, responsabilmente, farà le proprie valutazioni politiche".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Carla non ce l'ha fatta, il suo alpino Stefano la piange dopo la serenata davanti all'ospedale

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • «Noi facciamo sesso, licenziateci tutte». Il Centro Tice prende posizione sul caso della maestra di Torino

  • Con la caldaia rotta accendono il gas per scaldarsi, famiglia intossicata

  • Nuova ordinanza della Regione: aperti i negozi nei festivi. Ma si rimane in fascia arancione

  • In auto centra tre vetture in sosta e si ribalta. Illeso

Torna su
IlPiacenza è in caricamento