Rossini e "4vallia5stelle": «Gabbiani getta fango e cerca altre sponde politiche»

La consigliera comunale di Fiorenzuola e gli attivisti “4 valli a 5 stelle” sull’addio al Movimento 5 Stelle di Andrea Gabbiani: «In questi ultimi anni non lo si è visto granché vicino ai cittadini, ad informarli e a lottare»

Elena Rossini

Elena Rossini, consigliere comunale di Fiorenzuola del Movimento 5 Stelle e il Gruppo 4 Valli a 5 Stelle, attivisti grillini di Piacenza e Provincia, intendono rispondere ad Andrea Gabbiani, storico militante del Movimento che ha abbandonato da pochi giorni la forza politica attualmente al Governo nazionale. «Si ripete anche a Piacenza – spiegano Rossini e il gruppo - la triste sceneggiata dell’ex grillino che, dopo essere stato escluso causa il suo comportamento poco coerente, prima di andarsene, riversa addosso al Movimento tutto il fango possibile. Le esternazioni dell'ex consigliere comunale Gabbiani sui quotidiani locali si commentano da sole, quali rancorose espressioni di risentimento; ci colpisce tuttavia quando dichiara: “nella scelta delle candidature hanno dominato le logiche della vecchia politica”, e anche “ai vertici arrivano solo -yes man- poco competenti”. Se in queste parole emerge tutta l’amarezza di chi non è stato candidato alle scorse elezioni nazionali, e per questo lancia accuse contro le supposte logiche appartenenti alla vecchia politica nella scelta dei candidati (sono stati candidati gli yes man!), ci chiediamo quali elementi evidenzi in suo favore l'ex consigliere, per meritarsi maggiormente la candidatura rispetto a qualcun'altro? L'avere svolto un mandato ed avere fatto esperienza è sufficiente? Dopo lo svolgimento del mandato ha provato ancora a lavorare e ad attivarsi per migliorare le situazioni? Oppure solo ora è arrivato a valutare le proprie occasioni per fare carriera politica, al di là di ideali e vicinanza alle esigenze dei cittadini?

Il Movimento cinque stelle ha perso il contatto con la gente” dice ancora Gabbiani, “quel Movimento che prometteva di valutare di volta in volta le decisioni ascoltando prima di tutto la gente non c'è più … e ...abbiamo perso la nostra missione: informare i cittadini e farli partecipare alla vita pubblica”. Ma se questa è vista dall'ex consigliere Gabbiani come una missione, nessuno gli impediva di continuare a perseguirla, men che meno il Movimento, mentre in questi ultimi anni non lo si è visto granché vicino ai cittadini, ad informarli e a lottare con loro.

È vero che il territorio piacentino sente la carenza di un proprio rappresentante in Regione o in Parlamento, e che lui avrebbe evidentemente voluto rappresentarlo, ma anche in questo caso, che cosa ha fatto Gabbiani per proporsi validamente a questo ruolo?

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le spaccano la faccia contro una cancellata per rapinarla della borsa

  • Scaraventano un cancello contro la polizia per scappare dopo il colpo: quattro arresti

  • Cacciatore cade in un dirupo e muore

  • Cene e ritrovi clandestini in due locali, blitz della finanza: multa per tutti e attività sospesa

  • L'annuncio di Bonaccini: «La regione torna “zona gialla” da domenica»

  • Nuova ordinanza della Regione: aperti i negozi nei festivi. Ma si rimane in fascia arancione

Torna su
IlPiacenza è in caricamento