menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il senatore Pisani

Il senatore Pisani

«Scuola nel caos per il pressapochismo del Governo»

Pisani (Lega): «Maxiconcorso per 32mila insegnanti. Ma a settembre ne mancheranno altrettanti. Ignorati gli altri problemi dei precari e nessuna considerazione per le scuole paritarie che rischiano di chiudere»

«E' l’ennesima situazione di caos e pressapochismo creata da questo Governo con il Decreto scuola, appena approvato al Senato. Il Governo dice che regolarizzerà 32mila precari, ma così ne perderemo 30mila. E prima di vedere gli altri 80mila in cattedra, come promesso dalla squadra giallorossa, passeranno anni». Lo afferma il senatore della Lega, Pietro Pisani, che a Palazzo Madama ha votato no al maxi decreto che, tra l'altro, prevede  il maxi concorso per i precari (il testo ora passa alla Camera) che insegnano da almeno tre anni. «Hanno detto che lo faranno dopo l’estate - dichiara Pisani - ma una data ancora non c’è. Migliaia di persone, precarie da anni, rischiano di restare al palo. I supplenti non caleranno affatto e se ne prevedono almeno 200mila. Ecco i brillanti risultati per migliorare la scuola. Se si fosse attinto alla graduatoria, avremmo avuto una scuola a pieno organico. E, invece, grazie al M5s il “merito” è considerato in modo distorto. Nel decreto non c’è traccia del corso di specializzazione per i docenti di sostegno, del concorso per quelli di religione, di come superare i contenziosi per i posti di dirigente scolastico, della soluzione per i docenti della primaria che avevano solo il diploma magistrale, di una considerazione delle scuole paritarie che rischiano la chiusura lasciando senza lavoro migliaia di persone».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento