rotate-mobile
Martedì, 17 Maggio 2022
Politica

«Venga garantita una Piacenza solidale, democratica, accogliente e antirazzista»

L'appello al voto di Cgil, Cisl e Uil per il ballottaggio: «In campo due proposte diverse. Partecipate al voto. No alla privatizzazione dei servizi»

«Nelle settimane scorse, le nostre organizzazioni - scrivono in una nota Cgil, Cisl e Uil - hanno incontrato i candidati a sindaco sottoponendo a tutti i temi da noi individuati come centrali e strategici per i prossimi anni. Al centro della discussione abbiamo posto i temi del lavoro e dello sviluppo del territorio, individuando la necessità di dare un governo rigoroso alla qualità dell’occupazione e del valore aggiunto necessario per uscire da una dinamica economica paralizzata e preoccupante, insistendo sulla compatibilità ambientale degli investimenti da realizzarsi anche attraverso lo stop al consumo di suolo e puntando sul riutilizzo e sulla rigenerazione urbana.

Abbiamo inoltre, fra le altre cose, affrontato le questioni legate a quale modello di welfare e di tutele socio-sanitarie ispirarsi per garantire, e se possibile aumentare, i livelli delle prestazioni sociali oggi esistenti per le fasce più debole della popolazione, gli anziani, i minori, le famiglie più colpite dalla crisi, garantendo un forte governo e una chiara programmazione pubblica degli interventi e del sistema educativo. Sono da respingere con forza le posizioni espresse in favore di una privatizzazione dei servizi sociali fino ad arrivare a sostenere la libertà dei privati di determinare autonomamente le tariffe, creando così cittadini di serie A e di serie B.

Riteniamo che a Piacenza siano necessarie politiche che affrontino i temi della disoccupazione e della precarietà, delle crescenti disuguaglianze che colpiscono i più deboli. Abbiamo bisogno di modelli sociali che favoriscano la partecipazione e avvicinino le persone all'idea si politica come strumento utile per dare risposte ai bisogni dei cittadini contrastando le paure, le spinte xenofobe e razziste e promuovendo invece l'inclusione sociale.

Occorre difendere e rafforzare ulteriormente i valori democratici, di solidarietà e di rispetto per il lavoro, per l’universalità dei diritti civili e per la nostra Costituzione antifascista. Per questi motivi, forti dei nostri progetti e idee autonome per la città e fortemente convinti delle profonde differenze tra le proposte in campo intendiamo lanciare un appello alla partecipazione al voto, per garantire una Piacenza solidale e democratica, accogliente e antirazzista, con più lavoro e verde pubblico, nella speranza di invertire una pericolosa tendenza verso l’individualismo e il populismo che sono da sempre opposti ai valori sostenuti dal Sindacato Confederale».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

«Venga garantita una Piacenza solidale, democratica, accogliente e antirazzista»

IlPiacenza è in caricamento