Mercoledì, 22 Settembre 2021
Attualità

«Curva dei contagi in lieve calo, ma troppo presto per capire se la terza ondata è in remissione»

Il dg dell'Asl, Luca Baldino, a commento del report settimanale sulla situazione epidemiologica nel nostro territorio: «Segnali abbastanza positivi, la crescita esponenziale al momento si è fermata»

(repertorio)

«Curva dei contagi in lieve calo nel Piacentino, ma troppo presto per capire se la terza ondata è in remissione». Sono le parole del direttore generale dell'Asl di Piacenza, Luca Baldino, a commento del report settimanale - aggiornato all'8 agosto - sulla situazione epidemiologica nel nostro territorio, dove i casi positivi sono passati da 283 (nella scorsa settimana) agli attuali 244, con una diminuzione del 13,8%.                               

                                      positivi per settimana-3

 «I dati danno un segnale abbastanza positivo - spiega - ci troviamo sostanzialmente in presenza di una terza ondata, ma nell’ultima settimana la curva ha smesso di aumentare, anzi è leggermente calata. Un dato positivo, a maggior ragione se andiamo a paragonarci al resto del Paese. La crescita esponenziale per il momento si è fermata, vedremo cosa accadrà nelle prossime settimane».

                                      Tamponi per settimana-2

                                       Nuovi positivi rispetto ai tamponi-2

I nuovi positivi (ogni 100mila abitanti) sono 86, un numero inferiore alla media regionale (93), ma superiore a quella nazionale (69). 

                                      Positivi ultima settimana-2

Il maggior numero di positivi è concentrato nella fascia 18-40 (174)0-17 anni (126), mentre non sono stati riscontrati casi positivi al Covid-19 nelle Cra, «a conferma che quelli individuati la scorsa settimana fossero un episodio isolato» sottolinea Baldino.

                                     fasce d'età nuovi positivi-2

«Le segnalazioni alle Usca anche questa settimana, come nella precedente, sono in lieve calo - in 14 giorni sono passate da 255 a 205 – un debole segnale che la curva potrebbe aver raggiunto il suo picco, ma ovviamente è troppo presto per dirlo».

                                   Segnalazioni Usca-2

«I ricoveri che avevano iniziato a salire si sono stabilizzati, nelle terapie intensive non abbiamo persone ricoverate da due settimane - prosegue Baldino -  un’ottima notizia, e anche i decessi, per fortuna sono nulli».

                                   Ricoveri Covid-2

«In sintesi - aggiunge - i dati danno dei buoni segnali, è un momento in cui la curva è leggermente calata e anche altri indicatori confermano questa tendenza, resta comunque troppo presto per capire se siamo in una situazione di remissione di questa terza ondata, il quadro sarà più chiaro con l’arrivo del mese settembre». In risposta ad una domanda sulla situazione delle persone a cui è già stato somministrato il vaccino e ricoverate per Covid-19 il Dg sottolinea che si tratta di soggetti molto anziani – ricoverati di fatto per altre patologie -  in condizioni non gravi e che presentano sintomi leggeri, mentre «l’età media delle persone ricoverate per Covid non vaccinate è sotto i 50 anni».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

«Curva dei contagi in lieve calo, ma troppo presto per capire se la terza ondata è in remissione»

IlPiacenza è in caricamento