A Pittolo un defibrillatore acquistato dagli abitanti della frazione

Lodevole iniziativa di una residente che, passando porta a porta a raccogliere i soldi e a sensibilizzare gli abitanti, ha permesso l'acquisto di un apparecchio salvavita che è stato installato vicino alla chiesa

Il defibrillatore acquistato a Pittolo

Come è noto nella nostra provincia è attiva l'iniziativa voluta dal reparto di cardiologia dell'ospedale di Piacenza chiamata  "Progetto Vita" e attualmente presieduta dalla dottoressa Daniela Aschieri. Il suo scopo è quello di promuovere la diffusione di un apparecchio sanitario chiamato defibrillatore mediante il quale è possibile ripristinare la normale attività pulsatoria di un cuore entrato in fibrillazione. In città e provincia i defribillatori installati sono ormai quasi 400 e il numero è destinato a salire ulteriormente. Il loro acquisto spesso è reso possibile grazie all'iniziativa di istituzioni locali, ditte o enti privati, altre volte sono gli stessi abitanti di una comunità ad intervenire.

E' quello che è successo a Pittolo dove un'abitante, con lodevole iniziativa personale, si è trasformata in venditrice "porta a porta" e ha proposto di contribuire all'acquisto di un defibrillatore. I Pittolesi hanno risposto con vero senso civico e in poco tempo è stata raccolta la somma necessaria per acquistare l'apparecchio e organizzare il corso per l'abilitazione al suo uso. Per mantenere il più a lungo possibile l'efficienza della batteria incorporata, il defibrillatore è stato inserito in una teca riscaldata collocata dietro la chiesa di Pittolo a lato dell'ingresso del circolo ANSPI e quindi in un luogo velocemente raggiungibile.

Per completare l'opera però era necessario che tutti gli abitanti della zona fossero a conoscenza di quanto accaduto, il Parroco don Gino Costantino ha fatto la sua parte dandone notizia al termine della messa domenicale e alcuni pittolesi si sono assunti il compito di consegnare, sempre "porta a porta", l'avviso della presenza a Pittolo del defibrillatore oltre all'elenco delle 19 persone abilitate al suo uso e domiciliate nel territorio. L'augurio è che altre comunità seguano l'esempio di Pittolo dove l'acquisto in comunione del defribillatore ha contribuito a rafforzare i legami fra i residenti. Piacenza perderà anche la sua provincia ma si distingue per un 'iniziativa degna di essere imitata da altri.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Carla non ce l'ha fatta, il suo alpino Stefano la piange dopo la serenata davanti all'ospedale

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • Cacciatore cade in un dirupo e muore

  • «Noi facciamo sesso, licenziateci tutte». Il Centro Tice prende posizione sul caso della maestra di Torino

  • Nuova ordinanza della Regione: aperti i negozi nei festivi. Ma si rimane in fascia arancione

  • Farini, addio al ristoratore Adriano Figoni

Torna su
IlPiacenza è in caricamento