menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il momento in cui la donna riabbraccia la sua famiglia(Foto Gatti)

Il momento in cui la donna riabbraccia la sua famiglia(Foto Gatti)

Donna scomparsa, salvata sotto il diluvio dopo otto ore di ricerca

Dopo otto ore di ricerche incessanti la donna scomparsa nella giornata del 2 luglio è stata trovata viva, è provata fisicamente ma ha potuto riabbracciare la sua famiglia e ora si trova in ospedale. L'hanno trovata i vigili del fuoco vicino alla foce del Trebbia

Dopo otto ore di ricerche incessanti la donna scomparsa nella giornata del 2 luglio è stata trovata viva. E' provata fisicamente ma ha potuto riabbracciare la sua famiglia e ora si trova in ospedale dove è stata portata con un'ambulanza della Croce Rossa. E' stata trovata dai vigili del fuoco sotto un violento temporale nei pressi della foce del Trebbia, in un luogo che avevano già battuto più volte, probabilmente la piacentina durante la giornata si era continuamente spostata in stato confusionale tra la riva e la vegetazione. Per ore i vigili del fuoco, che hanno coordinato il dispositivo (via aria con l'elicottero Drago, via acqua con l'imbarcazione e con i cinofili) la protezione civile di Piacenza, e numerosi gruppi cinofili l'hanno cercata senza sosta. Era uscita dalla sua abitazione in centro dove vive con la famiglia intorno alle 8, ma non ha più fatto rientro e i parenti avevano subito presentato la denuncia di scomparsa alla polizia. La sua utilitaria era stata poi ritrovata posteggiata vicino alla chiesetta della Beata Vergine del Suffragio a Borgotrebbia ed è qui che è stato allestito il campo base e sono iniziate le ricerche. I pompieri hanno circoscritto l'area della cella che il cellulare della donna aveva agganciato per l'ultima volta prima di essere spento e hanno battuto palmo a palmo l'area. Sotto il sole cocente ha vagato per ore ma i parenti non hanno mai perso le speranze e così dopo otto ore di ricerca, il lieto fine. Ad un certo punto pare che abbia acceso il cellulare e abbia chiamato il cugino ma non riusciva a spiegare dove si trovava anche perché sfinita, poi il ritrovamento: era vicino alla foce del Trebbia in mezzo all'erba disidratata ma viva, i pompieri l'hanno immediatamente soccorsa e allertato il 118. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento