menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La nuova ambulanza

La nuova ambulanza

Perde il marito dopo 47 anni di matrimonio, dona alla Cri un'ambulanza in sua memoria

La benefattrice si chiama Francesca Carini e con questo nobile gesto ha voluto ricordare il coniuge Giancarlo Cordani

Una nuova ambulanza è stata donata alla Croce rossa di Piacenza. La benefattrice è la piacentina Francesca Carini, che con questo nobile gesto ha voluto rendere omaggio alla memoria del marito Giancarlo Cordani, mancato alcuni mesi fa, con il quale è stata sposata per quasi 50 anni.

La benefattrice ha quindi incontrato Alessandro Guidotti, presidente provinciale della Croce Rossa di Piacenza, e Michele Gorrini, coordinatore della Sede CRI di viale Malta sottolineando la volontà di contribuire in modo significativo all’acquisto di un’autoambulanza, un mezzo nuovo e tecnologicamente strutturato da poter essere all’avanguardia per i trasporti sanitari e i servizi di emergenza territoriale. 

«Giancarlo Cordani - ha ricordato - è stato un uomo che ha consacrato la sua vita al lavoro nell’azienda dedita alla produzione di macchinari per la lavorazione del legno, un imprenditore che giorno dopo giorno era riuscito a costruire una ditta solida e a farla prosperare. Un marito affettuoso e generoso. Amante della natura e degli animali, appassionato di viaggi, collezionava francobolli da tutto il mondo; da ragazzo fu un boy-scout e da allora sempre pronto ad aiutare chi incontrava e, laddove poteva, a dare una mano, un aiuto silenzioso, al riparo delle luci della ribalta». 

«Un sentito ringraziamento a nome di tutta la Croce Rossa di Piacenza per questo gesto così importante che ci ha consentito di acquistare e allestire questa nuova ambulanza - commenta il presidente Alessandro Guidotti - Un mezzo a beneficio delle persone che hanno bisogno e in sinergia con il personale dipendente e volontario, formato e mantenuto aggiornato per mantenere eccellente il livello qualitativo prestazionale».

«Un gesto generoso e per nulla scontato - ha sottolinea Michele Gorrini - Una nobiltà d’animo che arriva in un momento delicato per l’emergenza sanitaria in corso: che gratifica il personale della Croce Rossa per gli sforzi compiuti in questi mesi e che va a beneficio della collettività, con la popolazione che può già contare su un nuovo mezzo di soccorso».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Case di riposo, quaranta ospiti in tutto il Piacentino rifiutano il vaccino

  • Cronaca

    In futuro vaccinazioni anche a Bobbio e a Bettola

Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento