rotate-mobile
Lunedì, 17 Gennaio 2022
Cronaca

Pendolari: avanti con i ricorsi a Trenitalia

Ieri sera, alle 19, si è tenuto l'incontro tra il legale Fantigrossi e i viaggiatori esasperati. Nella sede dell'associazione dei pendolari, l'avvocato ha spiegato come presentare ricorso e perchè si ha diritto al risarcimento. È il disagio sistematico che porta al danno esistenziale

Venti persone. Tante se ne sono presentate all'incontro promosso ieri sera alle 19 dall'associazione dei pendolari piacentini per fare il punto sulla situazione di continuo disagio per chi viaggia e per spiegare le modalità di ricorso.

Hanno presenziato l'incontro l'avvocato Umberto Fantigrossi con la collega Paola Canepari che si faranno carico di assistere coloro che vorranno presentare istanza al Giudice di Pace e il presidente dell'associazione Ettore Fittavolini.
E' il disagio sistematico e non occasionale che produce il danno esistenziale

Primo passo: vincere la reticenza dei viaggiatori a fare ricorso. La causa, ha spiegato Fantigrossi, è personale e va anche seguita. Ma il risultato, dopo il precedente che ha fatto scalpore, dovrebbe essere garantito. È il danno esistenziale, ha spiegato l'avvocato, che deve essere riconosciuto.

Danno che, precisa, è dato dalla non occasionalità delle condizioni dei treni e dei ritardi. Una situazione di disagio che si ripete costantemente, produce eccome un danno esistenziale. E qui, serve il risarcimento.

Il problema dei pendolari, non si sa se ciò rincuori, è comune e sentito in tutta Italia: richieste di consulenza legale, a Piacenza, ne sono arrivate da tutta l'Emilia, dalla Lombardia e anche dalla Sardegna.
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pendolari: avanti con i ricorsi a Trenitalia

IlPiacenza è in caricamento