Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Un nuovo argine a protezione della città. Le opere non devono spaventarci»

Alla Farnesiana l'inaugurazione dell'opera a tutela del rischio alluvioni realizzata dal Consorzio di Bonifica di Piacenza

 

«Le opere non devono spaventarci. Quando si fa prevenzione serve anche il coraggio di realizzare quelle opere che subito magari non trovano il consenso della popolazione. La stessa amministrazione comunale fu divisa, a suo tempo, sulla validità di questo progetto. In realtà oggi celebriamo il coraggio degli amministratori di quel tempo, di Bonifica e Comune, che hanno saputo scegliere la cosa giusta. Quindi la realizzazione di un’opera che, seppure non venne subito compresa dalla popolazione, ha evitato tanti costi, disagi e disastri alla collettività piacentina. Inoltre oggi questo è anche un bellissimo parco urbano».

E’ questo il pensiero di Fausto Zermani, presidente del Consorzio di Bonifica di Piacenza, il cui discorso è stato davvero apprezzato nell’inaugurare (con la benedizione di Don Stefano Segalini), sabato 6 maggio, i lavori di messa in sicurezza e consolidamento dell’opera idraulica realizzati alla cassa di espansione della Farnesiana: un nuovo argine portato a termine a tempo record grazie a un fondo europeo. Un’opera che il sindaco Dosi, presente insieme all’assessore Paola GAzzolo e al prefetto Anna Palombi, ha definito «strategico e di garanzia per la sicurezza non solo della Farnesiana ma anche di tutta la città nel caso di calamità idrauliche».
Presenti anche gli studenti dell’istituto tecnico Raineri, mentre le due giovani ingegnere donna che hanno curato il progetto, hanno illustrato i dettagli tecnici, parlando di «opera realizzata a regola d’arte in tempi stringenti». 

L’infrastruttura idraulica, in caso di precipitazioni straordinarie - oggi decisamente più frequenti rispetto al passato - è utile e strategica per difendere attivamente tutta l’estesa area del quartiere Farnesiana e scongiurare dalle possibili infiltrazioni la carreggiata della tangenziale, essenziale per la complessa viabilità urbana.

Potrebbe Interessarti

Torna su
IlPiacenza è in caricamento