Gli antifonari di Santa Maria di Campagna, un tesoro da scoprire

La mostra, intitolata "Un tesoro da scoprire. Gli antifonari di Santa Maria di Campagna. Primi esemplari", sarà inaugurata venerdì 18 maggio alle 16.30 e permetterà, per la prima volta nella storia della basilica tramelliana, di ammirare da vicino gli antichi codici musicali per la liturgia corale contenenti le antifone e i brani di canto per la Messa

Le manifestazioni collaterali alla “Salita al Pordenone” organizzata dalla Banca di Piacenza, hanno creato l’occasione per scoprire un vero tesoro, quello degli antifonari e dei salteri del convento e della chiesa di S. Maria di Campagna.  Richiedono un’accurata manutenzione ed alcuni, in certe parti, anche un vero e proprio restauro. Ma se ne offrirà, per così dire, un “saggio” tra poco, con un’esposizione di alcuni esemplari degli stessi e con una loro illustrazione da parte di studiosi che, anche a prima vista, ne sono rimasti entusiasti.  

La mostra, intitolata “Un tesoro da scoprire. Gli antifonari di S. Maria di Campagna. Primi esemplari”, sarà inaugurata venerdì 18 maggio alle 16.30 e permetterà, per la prima volta nella storia della basilica tramelliana, di ammirare da vicino gli antichi codici musicali per la liturgia corale contenenti le antifone e i brani di canto per la Messa. Gli antichi volumi che verranno esposti nel Refettorio del Convento dei frati minori – analizzati e selezionati dalla dott. Laura Bonfanti, curatrice della mostra, e da mons. Domenico Ponzini, Direttore emerito dell’Ufficio Beni culturali della Diocesi di Piacenza-Bobbio – coprono un arco temporale che va dal XVII al XIX secolo. I codici musicali scelti per l’esposizione sono in gran parte scritti a mano su carta pergamena, con alcune pagine dedicate alla liturgia corale impreziosite da incantevoli miniature colorate, spesso cesellate su foglia d’oro. 

L’inaugurazione della mostra “Un tesoro da scoprire. Gli antifonari di S. Maria di Campagna. Primi esemplari” sarà seguita, alle 18, da una conferenza tematica che vedrà alternarsi al tavolo dei relatori Massimo Baucia, Francesco Bussi, monsignor Domenico Ponzini e Luigi Swich, coordinati da Laura Bonfanti.  La mostra, ad ingresso gratuito, rimarrà aperta da venerdì 18 a domenica 20 maggio dalle 16.30 alle 19.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • Animale sulla strada, si ribalta tra il guard rail e il muro di una casa

  • Con la caldaia rotta accendono il gas per scaldarsi, famiglia intossicata

  • «Noi facciamo sesso, licenziateci tutte». Il Centro Tice prende posizione sul caso della maestra di Torino

  • In auto centra tre vetture in sosta e si ribalta. Illeso

  • Farini, addio al ristoratore Adriano Figoni

Torna su
IlPiacenza è in caricamento