Economia

Fondazione, nel Consiglio generale entra Carlo Marini

Al posto di Nicoletta Corvi, che ricopre già il ruolo di vicepresidente vicario. La squadra ora è al completo

La Fondazione di Piacenza e Vigevano ha completato oggi l’iter di rinnovo dei propri organi istituzionali. Il Consiglio Generale ha eletto il suo quindicesimo rappresentante, membro cooptato. Si tratta dell’imprenditore piacentino Carlo Marini, attivo già da diversi anni in ambito Fintech (innovazioni digitali connesse al mondo dei servizi bancari, finanziari e assicurativi).

Il nome di Marini si aggiunge a quelli di Vincenzo Cerciello, Valter Bulla e Noemi Perrotta, designati nei giorni scorsi in sostituzione dei consiglieri passati al CdA Luigi Cavanna, Fabio Fornari, Mario Magnelli e Nicoletta Corvi (vicepresidente vicario).

Il Consiglio Generale è dunque attualmente composto da Daniela Boffino, Lavinia Gaia Bulla, Valter Bulla, Rossella Buratti, Vincenzo Cerciello, Carlo Dallagiovanna, Edoardo Favari, Ivano Fortunati, Carlo Marini, Anna Muselli, Noemi Perrotta, Tiziana Pisati, Maria Grazia Sabato, Luigi Salice, Elena Sisaro.

«Ora che la squadra della Fondazione è al completo – ha commentato il presidente Roberto Reggipossiamo contare su un gruppo di persone che conosce perfettamente il territorio di Piacenza e di Vigevano e che potrà dare un contributo importante nella valutazione degli interventi più adatti in vista della definizione, il prossimo ottobre, del nostro Documento di programmazione. Siamo già in pieno lavoro». 

Il riferimento è a quel - già ampiamente intrapreso - percorso di mappatura dei bisogni che si sta realizzando attraverso  una serie di incontri con i rappresentanti e protagonisti del tessuto sociale, economico, formativo e culturale. La volontà di accorciare le distanze tra la Fondazione e il suo territorio rientra nella strategia d’intenti annunciata dal presidente fin dal suo insediamento.

Ad oggi, il presidente Reggi ha già incontrato il Vescovo della Diocesi di Piacenza-Bobbio Adriano Cevolotto, il sindaco e presidente della Provincia di Piacenza Patrizia Barbieri, i vertici dell’Associazione La Ricerca, gli assessori regionali Vincenzo Colla e Irene Priolo e il direttore generale dell’Asl di Piacenza Luca Baldino.

Nei giorni scorsi l’Auditorium della Fondazione è stato l’affollata cornice di due incontri suggellati da un vero parterre de rois: i rappresentanti delle realtà economiche e produttive locali e i sindaci del territorio piacentino al gran completo. Entro la fine del mese sono previste le riunioni con gli altri enti designanti (Conservatorio Nicolini, Università Cattolica e Politecnico), le realtà del volontariato piacentino e i rappresentanti della comunità  vigevanese (vescovo, sindaco e terzo settore).

«Terminati gli incontri – sottolinea il presidente Reggi – ci attende la definizione degli obiettivi del nostro Documento programmatico Previsionale (DPP). Come ho già  espresso ai miei interlocutori, intendiamo ritrovarci a settembre con una strategia d’intervento già abbozzata, per definire gli ultimi aggiustamenti. In ottobre saremo in grado di approvare un Documento che consentirà alla Fondazione di svolgere il supporto che si prefigge, ad integrazione e stimolo degli interventi necessari per la rinascita, verso una nuova normalità.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fondazione, nel Consiglio generale entra Carlo Marini

IlPiacenza è in caricamento