Il comitato terme di Bobbio: «Ecco le nostre perplessità sull’Università della montagna»

«La settimana scorsa ha avuto risonanza l’annuncio del contributo regionale di 4.5 mil di euro a 10 corsi di alta formazione, per 950 partecipanti e 4.500 ore di formazione  nel triennio. La notizia ha acceso grande interesse e soddisfazione, ma anche qualche fantasia di grandi opere-  un ateneo a Bobbio - tirando il collo ai fatti.  Vediamoli meglio questi fatti, dai documenti ufficiali della Regione Emilia-Romagna. L’assessore regionale all’Università e ricerca, Bianchi, chiarisce che i fondi vanno a sostegno di 10 progetti, in ambiti diversi e strategici, dall’intelligenza artificiale ai servizi per l’industria 4.0. Dalla mobilità intelligente alla sostenibilità alimentare. Dalla gestione del rischio correlato ai cambiamenti climatici al pluralismo religioso. Una scuola internazionale di politica e una di formazione musicale per strumenti solisti. Tra questi progetti uno in particolare riguarderà l’Alta Formazione per lo Sviluppo Sostenibile dell’Appennino, ovvero “AL FO NSA” , con capofila  l’Università di Modena. Lo scopo è “la valorizzazione delle ricchezze dell’Appennino in termini ecologico ambientali, sociali, culturali, economici, paesaggistici”. Come? Verranno attivati corsi di perfezionamento e specializzazione su “agricoltura di montagna, gestione integrata dei versanti, gestione forestale sostenibile, gestione delle acque, valorizzazione turistica del patrimonio culturale e paesaggistico”.  

Da chi? Per Piacenza sono indicati il dipartimento Diproves dell’Università Cattolica ed il dipartimento Dabc del Politecnico di Milano, polo territoriale di Piacenza. Accanto a queste due università piacentine, al progetto partecipano inoltre le università di Bologna, Ferrara e Parma, che parimenti si occupano di sviluppo sostenibile dell’Appennino. Quindi, per quanto riguarda le finanze, un primo fatto è che la cifra di 4,5 milioni di euro complessiva- mente è significativa, ma fatte le ripartizioni, la quota effettiva per il progetto di alta formazione/innovazione dell’Appennino diventa ben più modesta.

Dove si terranno i corsi? La candidatura di Bobbio è forte per quanto riguarda la parte piacentina, ma è da capire se le altre università partners Bologna, Ferrara e Parma, convergeranno su Bobbio o invece attiveranno corsi in località proprie. Molto resta ancora da definire. In questo scenario irrompe il sindaco di Bobbio con l’intervista del 13 agosto scorso. Non ha dubbi: a Bobbio ora ci vuole un ateneo e sorgerà sul terreno di San Martino. Il sindaco di Bobbio ama le promesse visionarie. Per decenni ha promesso la riapertura delle Terme, fallita come sappiamo.

Ora: un ateneo richiede un numero di studenti dell’ordine delle migliaia, come ben sanno le università che si strappano gli iscritti per non chiudere. Un corso - e il finanziamento regionale riguarda dei corsi - ha solitamente quindici/venti studenti. Può essere che dopo anni di ostilità a proposte di uso pubblico dell’area di San Martino ora il sindaco di Bobbio abbia deciso di cambiare. Bene, l’uso pubblico non è più tabù, però stiamo sul concreto. Sul terreno di San Martino - quello con gli scheletri di villette - siamo a questo punto: devono esser effettuati due scavi per accertare la presenza - o meno - di acque termali. Lo sa il sindaco di Bobbio che da presidente dell’Unione comuni val Trebbia- Luretta ha approvato la delibera per gli scavi, finanziati dalla regione. Scavi in tempi brevi: lo chiede il comitato per le Terme e lo chiedono anche tante persone, che da Agazzano, Sarmato o dalla val Tidone vanno a Salsomaggiore per fare le cure. Seguono la faccenda acque termali, perché farebbero volentieri un viaggio più corto. Si parla a ragione di rilancio della valle, delle sue risorse. Bene, chiarezza sia fatta sulla risorsa termale. Vediamo di portare a termine quanto è stato iniziato. Il sindaco di Bobbio, presidente dell’Unione - dove la delibera degli scavi è stata votata - ha l’onere di farla rispettare. E anche di rispettare la collegialità su cui si fonda l’Unione dei comuni. In val Trebbia-Luretta non siamo ancora arrivati alla Fusione, dove il capofila decide per tutti. Le decisioni sulle risorse della valle passano ancora per il confronto con gli altri amministratori e la popolazione. In democrazia».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Muore a 29 anni travolto da un furgone pirata

  • Un 28enne di Cadeo la vittima del tragico incidente a San Giorgio. E' caccia al furgone bianco

  • Frontale a Castellarquato: muore un uomo, altre due persone sono gravissime

  • Scontro Cavanna-Burioni sull’utilizzo della idrossiclorichina per combattere il Covid

  • Frontale lungo la Provinciale, muore in auto di fianco alla moglie

  • Nuovo Dpcm: Conte ha firmato, che cosa cambia da domani

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento