La Corte Suprema di Cassazione: «Le opere di Bonifica garantiscono beneficio e valore»

La Corte Suprema di Cassazione (Sezione Tributaria Civile) ha sancito e definito i confini di una capacità di azione dei Consorzi di bonifica che respinge nettamente il ricorso di un consorziato che tendeva a ridurre e sminuire l’evidente incidenza delle attività dell’ente negli equilibri complessivi della gestione del territorio

la sede del Consorzio di Bonifica

La Corte Suprema di Cassazione (Sezione Tributaria Civile)  ha sancito e definito i confini di una capacità di azione dei Consorzi di bonifica che respinge nettamente il ricorso di un consorziato che tendeva a ridurre e sminuire l’evidente incidenza delle attività dell’ente negli equilibri complessivi della gestione del territorio. La pronuncia della Corte di Cassazione infatti è particolarmente interessante e significativa in termini giurisprudenziali perché afferma espressamente che le opere consortili preposte allo scolo delle acque meteoriche di eccedenza e alla difesa dalle acque esterne , non solo arrecano un beneficio specifico agli immobili da esse serviti  - e non generico (cioè al territorio nel suo complesso) -, ma soprattutto , che la loro presenza assicura di per se’ che detti immobili acquistino “ un maggiore valore” (cfr.pag 4 della sentenza n°27469 – Roma 21-9-2016, depositata il 30 – 12-2016 e resa nota nei giorni scorsi ). Questo costituisce un autorevole precedente del Giudice di legittimità che, in modo chiaro, si pone in contrasto con le tesi della Commissione Tributaria Provinciale di Piacenza secondo le quali il beneficio connesso ad opere di bonifica esistenti non sarebbe di tipo fondiario , poiché esso non si tradurrebbe “in una qualità del fondo, consistente in un aumento di valore dello stesso”. Oggi la complessità morfologica del nostro territorio, gli improvvisi cambiamenti climatici sempre più repentini i cui effetti sono sotto gli occhi di tutti, le interconnessioni dei reticoli fluviali delle molteplici tipologie dei corsi di acqua naturali e di quelli artificiali in comprensori in cui la massiccia urbanizzazione degli ultimi decenni ha spesso dimenticato l’incidenza dei flussi, a volte nefasta sulle comunità , sulle colture e gli opifici industriali obbligano oggi ad una visione globale nella gestione del nostro ambiente così variegato e bisognoso di attenzione quotidiana. Le conseguenze di una mancata prevenzione e della manutenzione necessaria del paesaggio nelle aree montane corrisponde sempre di più a gravi e onerose conseguenze che si ripercuotono a valle e nelle zone abitate alle periferie dei piccoli e medi centri urbani e delle città. Così amministrazioni avvedute e consapevoli sono coscienti che il livello di difesa idraulica va assolutamente potenziato in un’ottica strategica comune che metta al centro della propria azione la sicurezza del cittadino. In quest’ottica i frazionamenti e le divisioni di competenze, possono creare notevoli rallentamenti non più sottovalutabili, veri e propri ostacoli, a volte insormontabili, nel fornire risposte adeguate e soprattutto in tempi utili ad un territorio in cui il dissesto idrogeologico fa pagare domani un conto assai salato se non si agisce oggi in modo deciso. Il Consorzio di Bonifica di Piacenza ci tiene a rimarcare inoltre come oggi sia indispensabile agire per tempo restituendo al territorio servito - che beneficia delle azioni costanti di bonifica – quanto nelle sue potenzialità. La cosa fondamentale è la sicurezza dei cittadini e delle proprie attività economiche e sociali e una strategia complessiva che non divida, frazioni e ritardi è l’unica che può garantire difesa e sviluppo del territorio nella sua generalità e abbandonando i particolarismi. Questa rilevante sentenza della Corte di Cassazione si va ad aggiungere a quanto emanato pochi giorni fa dalla Commissione Tributaria Regionale che aveva già riformato in grado di appello quanto inizialmente emanato dalla Commissione Tributaria Provinciale di Piacenza. La Commissione Tributaria Regionale infatti, proprio in riferimento alle contestazioni mosse da chi aveva proposto il ricorso al pagamento del tributo di bonifica, ha richiamato che: " gli interventi di esercizio, adeguamento e manutenzione , effettuati dal Consorzio di Bonifica , oltre a rientrare fra le opere indicate dalla legislazione in materia di bonifica e miglioramento fondiario hanno comportato anche un evidente beneficio sui beni stessi oggetto del ricorso a cui corrisponde un legittimo contributo di bonifica".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • Animale sulla strada, si ribalta tra il guard rail e il muro di una casa

  • Con la caldaia rotta accendono il gas per scaldarsi, famiglia intossicata

  • «Noi facciamo sesso, licenziateci tutte». Il Centro Tice prende posizione sul caso della maestra di Torino

  • In auto centra tre vetture in sosta e si ribalta. Illeso

  • Farini, addio al ristoratore Adriano Figoni

Torna su
IlPiacenza è in caricamento