rotate-mobile
Martedì, 18 Giugno 2024
L'evento

«Nello sport come nella vita bisogna rialzarsi dopo la caduta, analizzando l'errore»

Con il campione del mondo di sci Giorgio Rocca si è chiusa in Cattolica l’ottava edizione del progetto Mymentor

Con la coinvolgente testimonianza del campione del mondo di sci Giorgio Rocca, vincitore di undici gare di Coppa del Mondo, di una Coppa del Mondo di specialità e di tre medaglie iridate, si è chiusa presso l’Università Cattolica di Piacenza, l’ottava edizione del progetto MyMentor, nato dall’esperienza maturata negli ultimi anni presso l’Ateneo piacentino, nell’ambito del corso di laurea magistrale in Gestione d’azienda - profilo General Management (iniziativa nata grazie alle docenti Elena Zuffada e Franca Cantoni), iniziativa che si è successivamente estesa alle altre Facoltà di Piacenza, ovvero Laurea magistrale in Gestione d’Azienda. Laurea Magistrale a ciclo unico in Giurisprudenza, Laurea Magistrale in Scienze e Tecnologie Agrarie, Laurea Magistrale in Scienze e Tecnologie Alimentari e Laurea Magistrale in Agricultural and food economics.

In pratica, com’è noto, si tratta di un percorso di avvicinamento al mondo del lavoro, un diverso modo di fare gruppo e squadra, attraverso un accompagnamento con un pool di mentor (tutti manager delle imprese piacentine, sovente ex allievi della Cattolica), che diventa un fondamentale momento di crescita personale grazie alla disponibilità di questi professionisti e delle aziende in cui operano e che offre un’ottima visibilità alla facoltà piacentina. Il mentor, ha dunque il compito di supportare gli studenti degli ultimi anni di corso (Mentee) svolgendo il ruolo di consigliere, guida e precettore.

E chi meglio del ruolo di Mentor Coach poteva dissertare, se non Rocca che, non a caso, ha tracciato un avvincente bilancio della sua esperienza di sportivo, definita appunto “uno slalom verso la vittoria”.

«Insistere, persistere, mai desistere, avendo sempre davanti un obiettivo chiaro ed essere anche un po’ sognatore. E’ necessario -ha ribadito- nello sport, come nella vita, rialzarsi subito dopo le cadute, analizzare i propri errori, trarne lezione e ripartire, evitando di ripeterli. E quando sei solo in gara, devi tirare fuori da te tutte le energie, anche quelle più sopite ed avere obiettivi chiari da perseguire con impegno e passione. Bisogna - ha detto - adattarsi ai cambiamenti tecnologici, alle situazioni; io l’ho saputo fare avvalendomi per primo, di un mental Coach come Beppe Vercelli, con Claudio Ravetto per la parte sci e Roberto Manzoni per la parte fisica. Fino a fine carriera sono rimasto con loro per poter ottenere il meglio e soprattutto per conseguire una continuità sia per obiettivi, che per strategia. Che poi è il ruolo che un mentor ha per gli studenti che devono poi intraprendere la professione».

In apertura dei lavori, coordinati da Fabrizio Capocasale, referente del progetto MyMentor e da Giuseppe Ghittoni, i Presidi Anna Maria Fellegara, per la Facoltà di Economia e Giurisprudenza e Marco Trevisan, per Scienze agrarie alimentari e ambientali (presente Michelangelo Balicco direttore Marketing dell’ateneo), nel loro saluto hanno ribadito che «questo è un progetto che si lega con le nostre scelte didattiche, grazie ad un’esperienza, ormai consolidata, che consente un più proficuo inserimento nel mondo del lavoro».

La riunione si è conclusa con le testimonianze di alcuni Mentor e Mentee e la presentazione degli esiti del focus group da parte della professoressa Elisabetta Virtuani. Mentor Anna Paola Cavanna (LAMINATI CAVANNA) e MENTEE Santo Canonico (studente della LM in Gestione d’Azienda profilo General Management). MENTOR Andrea Lovazzano (SATA SRL) e MENTEE Nicolaj Franceschi (studente della LM in Agricoltura Sostenibile e di Precisione) MENTEE Arianna Messina (studentessa della LM in Banking e Consulting) - abbinamento con la MENTOR Cristina Bensi (AZIMUT CAPITAL MANAGEMENT SGR SPA). MENTEE EDIZIONE 2020/2021 (MENTOR Avv. Mauro Paladini) Andrea Pellegrini, dottorando di Ricerca UCSC e praticante Avvocato – Premio Agostino Gemelli 62a edizione (novembre 2022).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

«Nello sport come nella vita bisogna rialzarsi dopo la caduta, analizzando l'errore»

IlPiacenza è in caricamento