rotate-mobile
Giovedì, 23 Maggio 2024
Il dibattito

Comune, avanzo disponibile a 7,8 milioni di euro (l’anno scorso fu 17,8)

Approvato il bilancio consuntivo 2023 dell’ente. Ancora braccio di ferro tra maggioranza e opposizione sui conti. Domeneghetti (Fdi): «A fine mandato saremo più indebitati». Perrucci (Pd): «Il centrodestra non critica i progetti, significa che facciamo bene»

Il bilancio consuntivo del Comune di Piacenza, relativo al 2023, approvato dalla maggioranza, presenta un avanzo disponibile di 7 milioni e 800mila euro, rispetto ai 17,8 milioni di dodici mesi fa. È questo il punto maggiormente sottolineato dal dibattito a Palazzo Mercanti. Il vicesindaco Marco Perini ha snocciolato in aula i punti più importanti, rivendicando che in questi dodici mesi sono state 128 le assunzioni di personale, contro 72 cessazioni, per un +56 di saldo. Come detto innumerevoli volte, la Giunta Tarasconi ha voluto assumere nuovo personale per potenziare l’attività degli uffici.

Il bilancio consuntivo in pillole 2023

Boris Infantino (Pc Coraggiosa) giudica molto favorevolmente il documento e l’azione della Giunta. «Il timoniere ha impostato la giusta rotta. L’avanzo disponibile presenta un equilibrio finanziario corretto. Le scelte organizzative adottate - più personale e rivisitazione degli incarichi dirigenziali - stanno dando i loro frutti. Senza l’aumento dell’Irpef avremmo toccato il disavanzo, se si vanno a vedere le spese per le bollette energetiche in più». Il più grande critico nei confronti delle mosse finanziarie della Giunta rimane Massimo Trespidi (Civica Barbieri-Liberi). «Avevate a disposizione - ha minimizzato l’azione della Giunta - 4,5 milioni in più di Irpef, 20 milioni di avanzo libero, 20 di avanzo vincolato, 1,5 di avanzo d’investimenti. Stiamo parlando di circa 45 milioni a disposizione in più oltre al bilancio già approvato in precedenza». Luigi Rabuffi (ApP) ha richiamato ancora una volta l’impasse su piazza Cittadella: «Per molti di voi non conta nulla il cronoprogramma, i lavori sarebbero già dovuti essere iniziati a febbraio. I piacentini sono interessati alla vicenda». Filiberto Putzu (Liberali) ha invece chiesto informazioni sul bilancio di Piacenza Expo e sulla fine della mostra dei Fasti Farnesiani, passata sotto silenzio. «È la prima volta - il pensiero di Luca Dallanegra (capogruppo Civica Tarasconi) - che si vede un avanzo libero inferiore a quello precedente. Il dato è corretto per la struttura del Comune». Duro Nicola Domeneghetti (Fdi): «I piacentini sono stati ingannati da Tarasconi in campagna elettorale. Promise di non toccare le tasse, invece la sua Giunta li ha tassati e indebitati, perché sono sicuro che i debiti aumenteranno a fine mandato». Non la vede assolutamente così Gianluca Ceccarelli (Pc Oltre): «L’ente sta perseguendo i propri obiettivi». «Parliamo di 4 euro al mese di aumento Irpef - ha fatto notare Stefano Perrucci (Pd) - nessuna famiglia finirà nella miseria per questo aumento, l’opposizione drammatizza sul nulla, non riuscendo ad attaccarci sulla progettualità. Significa che considerano positiva la nostra azione».

IL SINDACO: «OTTIMO RISULTATO»

«Il nostro obiettivo - ha preso la parola il sindaco Katia Tarasconi - era quello di arrivare ad un avanzo fisiologico, e ce l’abbiamo fatta. Si può sempre fare meglio, ma non si può dire che la struttura non riesca a spenderli. In così poco tempo siamo riusciti a tornare ai livelli del 2018-2019, il pre-Covid. Riuscire a mettere le risorse in un solo anno dove andavano messe e avere un’economia di 3 milioni e 200mila, è un ottimo risultato. Gli obiettivi prefissati sono stati raggiunti».

QUASI SICURA LA ROTATORIA DEFINITIVA IN VIA MARTIRI

Passa, su indicazione dell’assessore ai lavori pubblici Matteo Bongiorni, un ordine del giorno al bilancio consuntivo presentato da Nicola Domeneghetti (Fdi). Il consigliere chiedeva di destinare una parte dell’avanzo disponibile per rendere definitiva (inserendola nel piano delle opere pubbliche) la rotatoria di via Martiri della Resistenza-via Boselli. Ora la rotonda è in una fase sperimentale, con la presenza dei new-jersey. L’ok dell’assessore fa capire che sarebbe una formalità l’intenzione di sostituire definitivamente il semaforo con la rotatoria.

Bocciati invece altri due odg di Fratelli d’Italia. Il primo, di Sara Soresi, chiedeva di impegnare risorse dell’avanzo per far calare i tempi d’attesa per gli anziani che chiedono di entrare nelle Cra. Bocciato anche quello di Gloria Zanardi di riqualificare e aprire i bagni pubblici di piazza Duomo.

Bocciati anche due odg di Alternativa per Piacenza. Il primo, di Stefano Cugini, proponeva di acquisire e destinare a parco pubblica un’area dell’ex Camuzzi («non sappiamo le stime economiche su quell’area, oggi non possiamo decidere», ha precisato il sindaco Tarasconi). Respinta anche la proposta di Luigi Rabuffi di illuminare meglio la pista ciclabile di viale Patrioti, da via IV Novembre a piazzale Roma («servono 150mila euro, preferiamo raddoppiare l’illuminazione sul Facsal, anche per un discorso di pubblico sicurezza», la risposta dell’assessore Matteo Bongiorni).  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Comune, avanzo disponibile a 7,8 milioni di euro (l’anno scorso fu 17,8)

IlPiacenza è in caricamento