Elezioni Provinciali, alle urne gli amministratori del territorio

Gli amministratori dei 48 comuni del Piacentino eleggeranno i dieci nuovi consiglieri. Affluenza del 84,55 per cento

È venuto il momento di rinnovare il consiglio provinciale: martedì 10 gennaio, dalle 8 alle 20, si tengono le elezioni della Provincia. Potranno esprimere la propria preferenza, visto che la Provincia è ancora un ente di secondo livello, solamente gli amministratori pubblici del nostro territorio: saranno 589 i sindaci, assessori e consiglieri dei 48 comuni del Piacentino che sceglieranno i dieci nuovi consiglieri che accompagneranno il presidente Francesco Rolleri nei prossimi due anni di mandato. Il presidente infatti rimane in carica: gli amministratori del territorio sono chiamati a votare il consiglio, che non percepirà alcune retribuzione.

Due sono le liste presentate. “Piacenza provincia unita con Rolleri presidente” vede candidati cinque dei sei consiglieri di centrosinistra uscenti (manca solo il sindaco di Piacenza Paolo Dosi, in scadenza di mandato: Stefano Perrucci (Piacenza), Alessandro Piva (Podenzano), Patrizia Calza (Gragnano), Massimo Castelli (Cerignale) e Luca Quintavalla (Castelvetro). A loro si aggiunge la consigliera di Piacenza Annalia Reggiani, Guglielmo Zucconi (del Gruppo Misto a Piacenza), il sindaco di Agazzano Mattia Cigalini, Simona Bellan (Rottofreno) e Marco Comini (Vernasca).

Il centrodestra è riunito nella lista “La Provincia che piace” con Elena Murelli (Podenzano, Lega), Roberto Pasquali (Sindaco di Bobbio, Lega), Laura Ruscio (Gropparello, Fi), Giuseppe Freppoli (Castellarquato, Fi), Matteo Lunni (Borgonovo, Fi), Paola Galvani (Rottofreno, civica e uscente), Fabio Callegari (Pontedellolio, civico), Federico Francia (Cadeo, civico), Sergio Bursi (Castelsangiovanni, Fratelli d’Italia e uscente) e Giancarlo Tagliaferri (sindaco di San Giorgio, Fratelli d’Italia). 

Il Movimento 5 Stelle non ha presentato in nessuna provincia d’Italia una sua lista. Lo spoglio delle schede si terrà nella mattina dell’11 gennaio. Il sistema elettorale prevede un voto ponderato: la preferenza espressa dai comuni più popolosi (il capoluogo Piacenza in particolare) vale molto di più che il voto di un comune di centinaia d’abitanti. Il territorio è diviso in cinque fasce demografiche con diversi coefficienti.

AGGIORNAMENTO AFFLUENZA ORE 20

Alle 13 ha votato il 39,95 per cento degli aventi diritto, ovvero esattamente 200 amministratori pubblici su 589. Alle ore 17 l'affluenza registrata è del 65,7 per cento. Alla chiusura dei seggi alle 20 ha votato l'84,55 per cento. Le operazioni di scrutinio dei voti dureranno tutta la mattina dell'11 gennaio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • San Nicolò, schianto all'incrocio tra un'ambulanza e un'auto: quattro feriti

  • Carla non ce l'ha fatta, il suo alpino Stefano la piange dopo la serenata davanti all'ospedale

  • «Noi facciamo sesso, licenziateci tutte». Il Centro Tice prende posizione sul caso della maestra di Torino

  • Con la caldaia rotta accendono il gas per scaldarsi, famiglia intossicata

  • In auto centra tre vetture in sosta e si ribalta. Illeso

  • Farini, addio al ristoratore Adriano Figoni

Torna su
IlPiacenza è in caricamento