«Censimento cervi, come mai Piacenza sta aspettando da ben 2 anni i dati della Regione?»

Il consigliere regionale della Lega Matteo Rancan commenta un incidente avvenuto nei giorni scorsi sulla Statale 45 all'altezza di Bobbio

«E' inevitabile che si possano verificare incidenti stradali connessi alla presenza di cervi che attraversano la carreggiata stradale, quando si considera che la Provincia di Piacenza, unica in regione, sta attendendo da ben 2 anni i dati di aggiornamento sullo stato della popolazione dei cervi». Il consigliere regionale della Lega, Matteo Rancan, commenta così l'incidente avvenuto nei giorni scorsi sulla Statale 45 all'altezza di Bobbio.

«Non solo è inaccettabile questo ritardo della Regione, ma è anche una grande presa in giro per quei cacciatori degli Atc di montagna che impegnano due nottate alla settimana, da oltre 8 anni, per effettuare i censimenti dei cervi, fondamentali per stabilire la loro presenza numerica sul territorio», sottolinea il consigliere del Carroccio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La normativa regionale parla chiaro, e prevede che vengano raccolti i dati sulla presenza di ungulati nei singoli territori, che vengano trasmessi alla Regione, la quale dopo averli analizzati, comunica alle varie province il numero di capi che devono essere abbattuti. «Ebbene, a Piacenza, l'aggiornamento dei dati manca da 2 anni: pertanto vorremmo sapere se la densità agroforestale di questi ungulati sia ancora tollerabile o sia già in esubero, come in altre province emiliane come Reggio Emilia, Modena e Bologna dove hanno già licenziato piani di prelievo? Si tratta di una domanda più che legittima, anche in considerazione del fatto che un numero fuori controllo di questo tipo particolare di ungulato, inevitabilmente può aumentare le possibilità di una loro presenza sul manto stradale coi rischi e le conseguenze connesse, come abbiamo visto sulla Statale 45, a Bobbio», conclude Rancan.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Esce di strada e si ribalta in un campo, muore a 32 anni

  • Bimbo di un anno in ospedale per cocaina, arrestati i genitori e i nonni

  • Invia le foto del tradimento alla moglie dell'amante della sua compagna, prima condanna per revenge porn a Piacenza

  • Sorprende i ladri in casa, 90enne scaraventata a terra e rapinata

  • «Mi dispiace per quanto ho fatto, mi hanno aggredito e mi sono solo difeso»

  • Ricette piacentine: la torta di patate

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento