Tagliaferri (Fdi): «Riorganizzare le Unità assistenziali di base»

Per il consigliere l'emergenza coronavirus insegna che serve il potenziamento dei servizi sanitari territoriali per il cittadino

La Giunta riorganizzi le Usca, le Unità Speciali di Continuità Assistenziale, alla luce delle criticità e delle nuove esigenze emerse durante la pandemia da coronavirus. A chiederlo, in un'interrogazione alla Giunta, è Giancarlo Tagliaferri (Fdi) che ricorda come sia necessario, anche alla luce delle disposizioni di legge nazionali, «pianificare un’adeguata assistenza primaria e restituire centralità alla medicina pubblica territoriale. In particolare, imputando alle stesse Usca l’esercizio di funzioni e l’erogazione, a titolo gratuito, di prestazioni di assistenza sanitaria domiciliare ordinaria, secondo la programmazione, gli indirizzi e con le modalità che, previo coinvolgimento degli Enti locali, sono direttamente stabilite dalla Regione».

Da qui l'atto ispettivo per sapere se l'esecutivo regionale intenda «promuovere l’adozione di precisi interventi di riorganizzazione in ambito socio-sanitario tali da pianificare un’adeguata assistenza primaria e restituire centralità alla medicina pubblica territoriale; intenda valutare il mantenimento in funzione delle Unità Speciali di Continuità Assistenziale anche una volta cessato lo stato di emergenza epidemiologica da Covid-19 al fine di erogare a titolo gratuito prestazioni di assistenza sanitaria domiciliare ordinaria, secondo la programmazione e con le modalità stabilite dalla Regione, sentiti gli Enti locali».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il consigliere interrogante chiede poi se l'amministrazione regionale «intenda prevedere che nell’ambito di ogni Unità Speciale di Continuità Assistenziale venga istituito stabilmente il servizio dell’infermiere di comunità, con funzioni di assistenza sanitaria continua e presa in carico domiciliare del paziente; sia garantita la presenza continua di un operatore socio-sanitario, con funzioni di supporto; sia attivo un servizio di telemedicina e di telediagnosi».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Esce di strada e si ribalta in un campo, muore a 32 anni

  • Ruba scarpe da 40 euro ma nella mascherina ne ha più di 6mila: nomade denunciata

  • Cavo nel bosco ad altezza gola, ciclista piacentino salvo per miracolo

  • Invia le foto del tradimento alla moglie dell'amante della sua compagna, prima condanna per revenge porn a Piacenza

  • «Ho ucciso Leonardo, ma l’ho fatto per difendermi. Chiedo scusa alla famiglia»

  • Ferriere, il nuovo sindaco è Carlotta Oppizzi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento