Lunedì, 18 Ottobre 2021
Fiorenzuola Today Alseno / Via Roma

Alseno, nascondeva un catturando nella cantina di casa: due in manette

Si è conclusa con un ottimo risultato l’operazione congiunta delle squadre mobili di Piacenza e Parma, in collaborazione con i colleghi di Milano, che nel pomeriggio del 22 ottobre hanno arrestato un pugliese di 33 anni ricercato per rapina a mano armata, e un calabrese 38enne per favoreggiamento

Nascondeva un ricercato in cantina, ma la polizia lo ha scovato e ha arrestato - oltre al catturando stesso - anche il padrone di casa. Si è conclusa con un ottimo risultato l’operazione congiunta delle squadre mobili di Piacenza e Parma, in collaborazione con i colleghi di Milano, che nel pomeriggio del 22 ottobre hanno arrestato un pugliese di 33 anni, Antonio Ciani, che era stato colpito da un’ordinanza di custodia cautelare in carcere per rapina aggravata. Gli agenti lo hanno trovato nello scantinato di Marcello Bonaccio, calabrese di 38 anni che abita in centro ad Alseno. Entrambi sono finiti in carcere: il 33enne per l’applicazione dell’ordinanza, il 38enne invece per il reato di favoreggiamento personale.

Le indagini della polizia, che era sulle tracce di Ciani, avevano portato a sospettare che si nascondesse in un’abitazione in provincia di Piacenza. Gli agenti delle squadre mobili di Piacenza e Parma si sono così presentati a casa del 38enne di Alseno che, secondo i dati in possesso della questura, era sospettato di fornire ospitalità al ricercato, colpito la scorsa settimana da un’ordinanza di custodia cautelare in carcere per rapina a mano armata.

Quando gli agenti in borghese sono entrati in casa di Bonaccio, hanno perquisito ogni stanza: sospettavano di essere sulla pista giusta perché in una delle auto posteggiate all’esterno dell’abitazione avevano trovato una valigia con degli indumenti maschili, effetti personali, e una copia di un atto giudiziario di indagine riferito proprio ad Antonio Ciani.
L’attenzione degli investigatori è stata attirata però dallo scantinato, dove il padrone di casa aveva riferito che non vi era nulla, cercando però di dissimulare un certo nervosismo quando i poliziotti stavano per scendere a controllare. Infatti in cantina è stato bloccato il ricercato, che cercava di nascondersi sotto alcuni cartoni.
Per entrambi sono quindi scattate le manette: il padrone di casa è stato arrestato in flagranza di reato per favoreggiamento (è difeso dall'avvocato Caludia Pezzoni del Foro di Parma), mentre il catturando sulla scorta del provvedimento del Gip di Milano.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Alseno, nascondeva un catturando nella cantina di casa: due in manette

IlPiacenza è in caricamento