FiorenzuolaToday

Alseno, proseguono i lavori nella scuola elementare: «Più sicura ed ecocompatibile»

Il sindaco Davide Zucchi ha effettuato un sopralluogo nel cantiere, che da inizio giugno è attivo nella palazzina che ospita la scuola elementare nell’ottica di una riqualificazione dello stabile e di un efficientamento energetico

Il sindaco Davide Zucchi duante il sopralluogo nel cantiere

Mancano poco più di due settimane all’inizio dell’anno scolastico e quando i bambini della scuola elementare di Alseno faranno ritorno sui banchi, il 15 settembre, troveranno le aule e gli spazi dell’edificio completamente rinnovati. Il sindaco Davide Zucchi ha effettuato un sopralluogo nel cantiere, che da inizio giugno è attivo nella palazzina che ospita la scuola elementare nell’ottica di una riqualificazione dello stabile e di un efficientamento energetico. «Vogliamo offrire ai nostri ragazzi  - spiega Zucchi - una scuola più accogliente, più luminosa e calda in inverno. Sarà allo stesso tempo una struttura più sicura ed ecocompatibile».

I lavori sono quasi giunti a conclusione: nelle prossime due settimane si procederà alla rasatura, all'intonacatura e al tinteggio del cappotto interno. Saranno poi installate le valvole termostatiche sui caloriferi presenti e verranno effettuati i collegamenti alle tapparelle elettriche.

Nei mesi di giugno e luglio, approfittando della chiusura estiva della scuola, è stato installato il cappotto di isolamento interno nell’ala originaria della scuola (quella che si trova su piazza Caduti) ed esterno nella parte dell’edificio ampliata negli anni ‘80 (quella che dà su via dei Caduti e via Battisti). Sono state riqualificate le opere elettriche esistenti e sostituita l’illuminazione con lampade a led che consentiranno un risparmio di circa il 93 per cento rispetto alle lampade ad incandescenza e del 90 per cento rispetto alle lampade alogene.

Infine gli operai hanno sostituito il generatore di calore e i serramenti. Gli interventi di efficientamento energetico dovrebbero consentire un risparmio annuo di circa 6mila euro.

Le opere eseguite all’interno della palazzina sono costate circa 250mila euro, finanziati dalle casse comunali per circa 78mila euro, dalla Regione Emilia Romagna per poco meno di 65mila euro (grazie alla partecipazione al Bando Regionale “POR-FSR”) e dal Conto Termico (entrato in vigore nel 2016 al fine di incentivare interventi per l’incremento dell’efficienza energetica negli edifici pubblici) per poco più di 107mia euro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le spaccano la faccia contro una cancellata per rapinarla della borsa

  • Carla non ce l'ha fatta, il suo alpino Stefano la piange dopo la serenata davanti all'ospedale

  • Scaraventano un cancello contro la polizia per scappare dopo il colpo: quattro arresti

  • Cacciatore cade in un dirupo e muore

  • Cene e ritrovi clandestini in due locali, blitz della finanza: multa per tutti e attività sospesa

  • L'annuncio di Bonaccini: «La regione torna “zona gialla” da domenica»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento