menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La conferenza stampa dei Nas

La conferenza stampa dei Nas

Prostituzione in un centro massaggi cinese a Fiorenzuola: due arresti

Attività di prostituzione in due centri massaggi, uno a Parma nella zona di Baganzola e uno a Fiorenzuola d'Arda, gestiti da una coppia di cinesi. I Nas hanno verificato, tramite appostamenti e intercettazioni, il pagamento, da 50 a 100 euro, per prestazioni sessuali

I Nas di Parma, con la collaborazione dei militari dell'Arma territoriale, nella mattinata del 18 febbraio, hanno eseguito due ordinanze di custodia cautelare emessi dal Gip del tribunale di Parma nell'ambito dell'inchiesta sulle attività di prostituzione che hanno portato agli arresti domiciliari per una donna e alla custodia cautelare in carcere per il marito, entrambi di nazionalita' cinese e residenti a Parma.

L'indagine, che ha portato anche a due decreti di sequestro penale preventivo dei Centri massaggi, e' stata avviata a partire da un attività ispettiva igienico-sanitaria. L'attenzione dei militari si e' concentrata su un biglietto con un numero di cellulare che era stato trovato su un sito di annunci erotici on line. Da questo primo elemento sono iniziate attività di controllo nei due centri massaggi. I Nas hanno documentato un via vai di clienti italiani e stranieri davanti ai due Centri.

Le intercettazioni hanno permesso di verificare i fatti: all'interno delle due strutture, una a Parma nella zona di via Baganzola e una a Fiorenzuola d'Arda si svolgeva attività di prostituzione con tariffe fa 50 a 100 euro. Secondo la ricostruzione degli inquirenti il cliente concordava un prezzo per il massaggio e poi pagava un prezzo maggiore per le prestazioni sessuali, che prevedevano massaggi nelle parti intime e solo in alcuni casi rapporti orali. I due Centri massaggi sono stati posti sotto sequestro. I due arrestati sono accusati di gestione di casa di prostituzione, sfruttamento aggravato della prostituzione. Per la donna c'e anche l'ipotesi si reato per sostituzione di persona perché ha fornito un identità falsa per la fornitura di energia elettrica per il centro di Fiorenzuola. La donna di 29 anni gestiva i due centri mentre il marito di 34 si occupava dell'aspetto logistico.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento