rotate-mobile
Venerdì, 30 Settembre 2022

«È un periodo storico difficile ma Piacenza è forte e può migliorare»

Il colonnello dei carabinieri Paolo Abrate lascia Piacenza dopo due anni: «Tanti furti e Codici Rossi: sempre pronti per evitare conseguenze più gravi. Le nostre caserme al lavoro per fare uscire i cittadini soddisfatti. Peccato non vedere la nuova caserma di Fiorenzuola»

Lascia Piacenza a malincuore Paolo Abrate, comandate provinciale dei carabinieri arrivato nella nostra città nell’estate del 2020 quando si insediarono i nuovi vertici, in seguito allo scandalo della caserma Levante. Nella mattinata di giovedì 8 settembre ha incontrato i giornalisti («l’informazione è preziosa e con il vostro lavoro siete fondamentali per divulgare il nostro operato») con i quali ha tracciato un bilancio di questi due anni a Piacenza. Da domani sarà a Roma, al comando generale dell’Arma dei carabinieri, dove sarà il capo Ufficio Legislazione e Affari parlamentari: «Andrò a monitorare e a concorrere alla formazione delle Leggi. È una sfida molto interessante perché normalmente si vede la Legge come un qualcosa di dato, di fermo. Invece c'è la possibilità anche di concorrere all'attività di formazione e quindi andare proprio a scrivere e a definire i contenuti delle norme: un lavoro molto sfidante perché abbiamo bisogno di migliorare quello che è il nostro assetto». 

«Questi ultimi due anni di attività sono stati molto belli e molto intensi, ricchi di soddisfazione e orgoglio grazie ai miei carabinieri, di Piacenza e provincia, che si sono adoperati al massimo per sostenere quelle che erano le esigenze della cittadinanza – ha detto Abrate -. Piacenza è una città che fortunatamente, dopo i due anni e mezzo di stop del Covid, sta ripartendo. Certo è che il momento storico è particolare, perché anche i riflessi internazionali si sentono e si percepiscono. Sono sicuro che il tessuto economico sociale, sano e forte, sfrutterà questa occasione di difficoltà come opportunità per migliorare».  

Paolo Abrate-3

«I miei reparti hanno fatto tante attività, da quelle antidroga passando per quelle contro la corruzione nelle Pubbliche Amministrazioni. Ma la cosa che mi ha sempre premuto è stato il lavoro delle nostre caserme: tutti i cittadini che venivano da noi, per un problema o un’esigenza, dovevano uscire soddisfatti». Facendo un quadro generale del territorio Abrate ha spiegato che «a Piacenza avvengono sostanzialmente due tipologie di reati: i Codici Rossi e i furti». Per i primi «i carabinieri sono stati molto impegnati: venivamo attivati – ha spiegato l’ormai ex comandante provinciale – partiva un sistema di monitoraggio per evitare che potessero poi esserci conseguenze ben più gravi. La normativa è molto stringente e il sistema è altamente protettivo: c’è una gestione, fin da subito, di tutte le situazioni problematiche che poi ci hanno consentito di intervenire con la Procura e con i Servizi sociali dei Comuni, proprio a tutela dei quella che è la pace famigliare e quindi, spesso, anche per una semplice discussione». Sui furti ha aggiunto: «A Piacenza ne abbiamo un numero significativo e sono particolarmente odiosi perché violano quella che è l'intimità familiare: quando qualcuno entra in casa nostra ci dà profondamente fastidio e quindi è un settore sul quale ci dedichiamo con grande attenzione». 

Tra i rimpianti del colonnello Paolo Abrate quello di non poter vedere costruita e aprire la nuova caserma dei carabinieri di Fiorenzuola: «Sono molto soddisfatto della deliberazione del Consiglio comunale per la concessione di un terreno per la nuova caserma. Mi sarebbe piaciuto prendere parte a questa sfida perché la Casa dei carabinieri è importante con nuovi uffici accoglienti per i cittadini». A prendere il suo posto arriverà dal comando Provinciale di Asti il colonnello Pierantonio Breda, che lascia dopo quattro anni. Oltre 25 anni di servizio per il colonnello che, 45 anni e originario di Valdobbiadene, nel giugno scorso era stato anche insignito dal prefetto di Asti, Claudio Ventrice, come Cavaliere al merito della Repubblica italiana.  

Sullo stesso argomento

Video popolari

«È un periodo storico difficile ma Piacenza è forte e può migliorare»

IlPiacenza è in caricamento