Superiori, 2mila e 465 studenti alle prese con la prima iscrizione. Ultimissimi appuntamenti con l'orientamento on line

Anche per i ragazzi delle classi terze delle scuole secondarie di primo grado del Piacentino è arrivato il momento di decidere dove intraprendere il proprio percorso verso il diploma

Iscrizioni scuola on line

Quale scuola superiore frequentare? Anche per gli studenti di Piacenza e provincia è arrivato il momento di decidere dove intraprendere il proprio percorso verso il diploma. Una scelta che deve essere messa nero su bianco entro le ore 20 del prossimo 25 gennaio, termine ultimo per poter inviare la domanda on line (obbligatoria per le scuole statali, facoltativa per quelle paritarie) tramite il portale Istruzione.it, messo a disposizione dal Ministero. Secondo i dati forniti dalla Provincia di Piacenza sono 2mila465 i ragazzi delle classi terze delle scuole pubbliche secondarie di primo grado piacentine, alle prese con la prima iscrizione a licei, istituti tecnici e istituti professionali del territorio.

Gli appuntamenti organizzati dai singoli istituti per illustrare la propria offerta sono ormai agli sgoccioli, ma qualche possibilità è ancora aperta, come indica il calendario pubblicato sul portale Piacenza Futuro da Piacenza Orienta, la rete partecipata da tutte le scuole piacentine per promuovere azioni comuni volte al successo formativo. Nell'anno della pandemia anche l'orientamento alla scelta ha dovuto rinunciare alla tradizionale modalità “Open day”, reinventandosi con appuntamenti su prenotazione e via social network. A disposizione degli interessati anche una Guida Navigabile per esplorare l'universo scolastico piacentino. 

«C’è stato un ottimo riscontro da parte delle famiglie» spiega la professoressa Federica Morandi, coordinatrice di Piacenza Orienta. «L’attività è iniziata già nella primavera scorsa, coinvolgendo anche i ragazzi delle classi seconde delle scuole medie. Abbiamo lanciato alcune dirette Facebook sui profili dei vari istituti e vista la partecipazione ottenuta - confrontandoci con dirigenti e docenti - abbiamo deciso di proseguire su questa strada, veicolandole anche attraverso gli altri canali social delle scuole. Abbiamo cercato di trovare la soluzione più adatta a livello comunicativo, creando contenuti più sintetici e specifici sui singoli indirizzi scolastici, così che anche per ragazzi e genitori fosse più semplice selezionare gli incontri di loro interesse. Avevano inoltre l’opportunità di inviare domande o richieste di approfondimento e di rivedere poi gli appuntamenti video». I futuri allievi delle Superiori hanno anche potuto assistere in anteprima ad alcune lezioni, partecipando alla Dad. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Noi non ce l’abbiamo fatta». Dopo 15 anni di attività la trattoria finisce in “svendita”

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

  • «Disobbedire e aprire i locali? Non ha senso. La vera protesta sarebbe chiuderli: stop a delivery e asporto»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento