Sentiero del Tidone, bilanci e progetti del 2021

Alcuni dei passaggi principali dell'assemblea che si è tenuta, tramite connessione da remoto causa pandemia, nei giorni scorsi

La consegna della targa

«L'associazione 'Sentiero del Tidone' sta lavorando a diversi e grandi progetti che vedranno la luce nel 2021». É questo uno dei passaggi principali dell'assemblea che si è tenuta, tramite connessione da remoto causa pandemia, nei giorni scorsi.

É stata inoltre l'occasione per fare un bilancio di quanto avvenuto e successo durante l'anno che si sta concludendo: «Non possiamo certo dire che è stato un anno positivo - afferma Daniele Razza, presidente dell'associazione - Però lo stop forzato ci ha permesso di proporre nuove iniziative e progetti, e abbiamo avuto il tempo di capire se queste iniziative potevano essere attuabili. Possiamo dire che alcuni di questi rappresenteranno una novità assoluta a livello non solo di vallata, ma anche provinciale. Come si suole dire in questi casi, abbiamo 'tirato fuori dal cassetto' alcuni propositi che sono stati suggeriti, in alcuni casi, anche da nostri associati e ne abbiamo verificato la fattibilità e, per alcuni di loro, stiamo già lavorando in maniera assidua. Possiamo affermare che, Covid permettendo, potrebbero vedere la luce già nei primi mesi dell'anno nuovo. Naturalmente questo è il nostro auspicio e speriamo che quanto prima la situazione migliori in modo che, con la prossima stagione primaverile, tutti potranno partecipare e usufruire di queste novità».

«Durante l'assemblea, parlando del 2020, abbiamo voluto ringraziare chi, anche quest'anno, si è impegnato nella manutenzione del Sentiero: nonostante il lockdown, siamo riusciti a fare i quattro tagli dell'erba lungo tutto il tratto. Su questo argomento abbiamo voluto ringraziare in particolar modo Mario Capucciati che anche nel 2020 si è speso per la sua manutenzione, rendendolo praticabile ogni giorno dell'anno e svolgendo continuamente quel lavoro importantissimo di gestione ordinaria che risulta fondamentale per gli escursionisti. Il suo prezioso lavoro ha permesso un notevole risparmio di costi dell'associazione che, con i suoi magri bilanci, non si poteva permettere di sostenere queste spese. Sempre per quest'anno segnaliamo, positivamente, il grandissimo interesse per il Sentiero che si è avuto durante i periodi di possibili spostamenti tra le varie zone e regioni: nei mesi estivi e autunnali tantissime persone si sono riversate lungo tutto il tratto e questo è stato confermato dai vari esercenti che sono ubicati lungo il Sentiero, dalle continue email che sono pervenute al nostro indirizzo info@sentierodeltidone.it, ai messaggi arrivati sulla nostra pagina Facebook 'Sentiero del Tidone', al record di accessi al sito www.sentierodeltidone.it, alle foto di numerose persone a cavallo, piedi e bicicletta che hanno percorso i vari tratti. Anche le tre escursioni sul Sentiero, organizzate dalla guida AIGAE Mirna Filippi sono state molto partecipate (tutte sold out) e apprezzate. Dal punto di vista promozionale, il Sentiero è stato il protagonista principale della serie televisiva “Giorgione in cammino” andata in onda su Sky in autunno ed è stato percorso dai gruppi sportivi 'Velo sport Borgonovese', 'Lupi degli Appennini' e 'Passport' in un'unica giornata a novembre e da cui è nato uno splendido video. É stato realizzato un nuovo pannello del Sentiero, posizionato all'inizio della nuova piazza di Trevozzo nel comune Alta Val Tidone. Realizzate inoltre nuove brochure e una tovaglietta che è stata distribuita tra i vari esercenti della Val Tidone e che sta ancora riscuotendo un grande successo», continua.

«Abbiamo deciso di assegnare una targa a Cesarino Ferrari, primo presidente dell'associazione che, con il suo prezioso lavoro, ha permesso la nascita del Sentiero. La targa, a causa delle imposizioni vigenti relative al Covid 19, è stata consegnata da Mario Capucciati, padre del Sentiero e socio onorario, come Ferrari, del nostro sodalizio. Abbiamo voluto ringraziare gli  esercenti hanno deciso di proporre il noleggio di ebyke sul Sentiero e i privati e le associazioni che hanno fatto una donazione al nostro sodalizio e tutti i tesserati che ci sostengono sempre anche attraverso l'iscrizione o il rinnovo della tessera».

«Tra i ricordi negativi dell'anno in corso abbiamo voluto ricordare la scomparsa di due persone che hanno dato tanto al nostro progetto: Massimiliano Cassinelli, che si era prodigato nell'apertura del tratto del Sentiero nella zona di Spada di Borgonovo e che ogni anno provvedeva alla sua manutenzione, e soprattutto di Fausto Zermani, presidente del Consorzio di Bonifica di Piacenza che ha sempre sostenuto, fin dal primo momento, la nascita e lo sviluppo del Sentiero. Ancora oggi, a distanza di otto anni, stiamo usufruendo dei progetti nati dalla sua capacità di ascolto, di concretezza e di lungimiranza. Anche da queste tragiche fatalità abbiamo avuto la forza di portare avanti, nonostante tutte le problematiche attuali che ci obbligano a non muoverci, nuovi progetti che, ci auguriamo, potranno cambiare la vallata e il modo di concepirla e soprattutto improntare un nuovo modello di sviluppo da portare avanti: per questo c'è bisogno di tutti, dalle amministrazioni alle associazioni, dagli enti agli esercenti, dalle ditte ai privati. Scommettiamo sul 2021: ripartiamo in Val Tidone».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ripescata nel Po un'auto con a bordo un cadavere, è Daniele Premi

  • Nuovo decreto e spostamenti tra Regioni e Comuni: cosa si può fare (e cosa no) dal 16 gennaio

  • Frontale tra due auto a Fiorenzuola: tre feriti, uno è gravissimo

  • Brugnello, Rivalta, Vigoleno: Valtrebbia e Valdarda grandi protagoniste a "Linea Verde"

  • L'Emilia-Romagna resta arancione, firmato il nuovo Dpcm

  • «Disobbedire e aprire i locali? Non ha senso. La vera protesta sarebbe chiuderli: stop a delivery e asporto»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento