Cultura

"Qualcosa as plucca seimpar", Carmen Artocchini ricordata all'Archivio di Stato

Ricordato all’Archivio di Stato con un florilegio di ricordi personali, di aneddoti e di studi la figura della studiosa piacentina Carmen Artocchini

Nella mattinata di domenica 14 ottobre, nel corso della manifestazione nazionale intitolata "Domenica di Carta", apertura straordinaria di Biblioteche e Archivi statali promossa dal Ministero per i beni e le attività culturali per valorizzare non solo i musei e le aree archeologiche ma anche il patrimonio culturale cartaceo, presso l’Archivio di Stato di Piacenza è stato presentato al cospetto di un largo pubblico Qualcosa as plucca seimpar. La bibliografia degli scritti di Carmen Artocchini. Si è tratta di un altro omaggio tributato alla notissima studiosa piacentina deceduta due anni fa, la quale ha lasciato una larga messe di scritti, più di 2mila fra monografie e articoli distribuiti su molte testate locali. 

Insegnante, studiosa, divulgatrice apprezzatissima e popolare fra i piacentini era anche un'amica e una figura di riferimento per le istituzioni culturali locali, fra le quali l'Archivio di Stato di Piacenza e la Biblioteca Comunale che hanno beneficiato di suoi significativi atti di liberalità, consistenti in pubblicazioni e documenti. La sua figura, anche col concorso di ricordi personali e di aneddoti, è stata tracciata dagli autori della bibliografia Patrizia Anselmi e Vincenzo Latronico dell’ Archivio di Stato di Piacenza e da Daniela Morsia della Biblioteca Comunale Passerini Landi.  Il libro - composto  da saggi introduttivi, dall’elenco degli scritti per anni e da un indice dei soggetti finale - è stato reso possibile dalla collaborazione di tanti fra amici, conoscenti e collaboratori dell’Artocchini che hanno agevolato la ricerca di tutti i suoi scritti.

Il direttore dell’Archivio di Stato dottor Gian Paolo Bulla ha spiegato che il titolo della pubblicazione è l’affermazione di uno studioso, impegnato in archivio, ripresa dall’Artocchini ed una delle attestazioni più sintomatiche tributate alle istituzioni culturali che lei aveva frequentato e che amava visceralmente: fra le carte di un archivio qualcosa si cava sempre!  All’inizio della riunione hanno portato i loro saluti l’assessore del Comune di Piacenza Luca Zandonella e il presidente degli Amici del Bollettino storico piacentino Vittorio Anelli. A testimoniare l’affetto portato a Carmen erano presenti anche il presidente della Deputazione di storia patria delle province parmensi Leonardo Farinelli, il presidente della Famiglia Piasintëina Danilo Anelli, il direttore della rivista L’Urtiga Ippolito Negri e il responsabile del Museo della fotografia e della comunicazione visiva Maurizio Cavalloni. Il libro fa parte della prestigiosa Biblioteca Storica Piacentina del Bollettino Storico Piacentino edito da Tip.Le.Co.

(Immagini di Maurizio Cavalloni)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Qualcosa as plucca seimpar", Carmen Artocchini ricordata all'Archivio di Stato

IlPiacenza è in caricamento