Confindustria, il viceministro dell'Economia: «Più flessibilità dall'Europa per puntare su sviluppo»

Il viceministro dell'Economia Luigi Casero è intervenuto ad un incontro a Confindustria Piacenza sull'impatto della legge di stabilità sulle piccole e medie imprese organizzato dal settore della piccola industria dell'associazione

Luigi Casero e Cristina Dodici

«Il nostro obiettivo non era solo la legge di stabilità, ma soprattutto la possibilità di una proiezione per il domani, risolvendo ed affrontando le problematiche di chi investe in Italia. Così ci siamo proposti quattro fondamentali obiettivi: un sistema fiscale nuovo, meno complesso, certezza del diritto, utilizzo di tutti gli strumenti telematici e digitali negli accertamenti, una riduzione della pressione fiscale, la più oppressiva in Europa e nel contempo lotta all'evasione, tra le più elevata nel vecchio continente».

Così il viceministro dell'Economia Luigi Casero ha focalizzato l’azione del Governo intervenendo nella sala Convegni di Confindustria Piacenza all'incontro dal tema "L'impatto della legge di stabilità sulle piccole e medie imprese", un argomento che è stato coordinato dalla presidente del settore piccola industria dell'associazione Cristina Dodici che ha ribadito «come le attuali misure vadano nella direzione di aiutare le imprese, ma ancora molto resta da fare, soprattutto per quanto riguarda ricerca ed innovazione, senza cui non ci può essere sviluppo per affrontare un mercato internazionale».

Luigi Casero a Confindustria-3«Abbiamo iniziato la nostra azione - ha ribadito Casero - quando eravamo un paese a crescita negativa, ed oggi è positiva, 0,7 per cento in più: non abbastanza, ma è una buona partenza per compensare il divario con la Germania che è il nostro principale competitor. Dobbiamo continuare a puntare sulla crescita ed incrementare l’azione per tornare ad essere forti in Europa. Le misure inserite in Stabilità sono proiettate nel futuro. Dal punto di vista fiscale abbiamo cercato di aggredire i problemi che devono affrontare gli investitori in particolare quelli stranieri».
«Ci siamo posti - ha chiarito il Viceministro - quattro obiettivi: un sistema fiscale più semplice, anche per dare modo di tornare ad essere appetibili per gli investitori stranieri. Offrire delle certezze normative dando risposte preventive fiscali ai contribuenti. Il terzo tema riguarda l'utilizzo di tutti gli elementi tecnologici e telematici che possono rendere gli accertamenti più semplici e immediati, e infine riduzione complessiva della pressione fiscale. Con la delega fiscale abbiamo introdotto novità importanti in questa direzione per superare il gap con Francia e Germania sui costi, per noi superiori al 30%, puntando anzitutto alla eliminazione della duplicazione dei dati richiesti. Abbiamo messo a punto un regime di fatturazione elettronica tra privati che partirà sperimentalmente dal primo luglio e definitivamente dal primo gennaio 2017. In tal modo saranno ridotti gli accessi alle imprese».

A proposito della legge di stabilità Casero ha detto che «sono stati inseriti gli interventi che richiedevano una copertura economica, ad esempio quello sul catasto relativo ai beni imbullonati, quello relativo ai crediti nei fallimenti nelle imprese, ma comunque rientrano in un processo molto più ampio, partito con la delega fiscale, con le semplificazioni, le azioni sull'abuso del diritto, gli interventi sulla internazionalizzazione delle imprese. Le nuove misure arrecheranno benefici alle imprese, anzitutto la riduzione degli obblighi, semplificando il più possibile per cercare di diminuire gli oneri amministrativi».

Ha quindi ricordato i benefici più immediati come la riduzione di Irap e, dal prossimo anno per l'Ires. «La ricerca e l'innovazione - ha concluso Casero - deve essere detassata ed acquisire le risorse per crescere, ottenendo più flessibilità in Europa per riproporre sviluppo e crescita». 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Annega nel Po per salvare il suo cane finito in acqua

  • Identificato l'operaio ucciso dal crollo di un silos. Forse il cedimento di un sostegno la causa della tragedia

  • Crolla un silos, 50enne muore schiacciato

  • Altoè, 55enne muore alla guida dell'auto

  • Famiglia piacentina coinvolta in un incidente a Bolzano, grave un bambino

  • Caso Levante, spuntano nuovi indagati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento