Piacenza ha perso 239 aziende nel 2016

La consistenza complessiva è scesa sotto le 30mila unità, assestandosi a 29.923 soggetti registrati. La variazione in termini percentuali è stata del -0,8%

Calo netto nel numero delle imprese registrate a Piacenza a fine 2016. La consistenza complessiva è scesa sotto le 30mila unità, assestandosi a 29.923 soggetti registrati. La variazione in termini percentuali è stata del -0,8%.
Come osserviamo da alcuni anni, i settori nei quali si sono concentrate le riduzioni sono anche quelli più numerosi: costruzioni (-105), agricoltura (-68), attività manifatturiere (-63), commercio (-50), trasporti (-22). Va anche sottolineato però che ci sono branche nelle quali il movimento è stato di segno opposto: l’ambito dei servizi alle imprese è cresciuto di 35 unità, quello delle attività finanziarie ed assicurative di 29, le altre attività dei servizi hanno 27 imprese registrate in più e 19 il gruppo delle attività artistiche, sportive e di intrattenimento.
Il complesso del terziario (al netto di commercio e trasporti) è quello che cresce, con una variazione dell’1,29%.
Nel corso degli ultimi anni il numero di aperture di nuove attività è stato sempre inferiore alle chiusure; la nota positiva è che queste ultime sono andate a diminuire a partire dal 2012, quando era stato raggiunto l’apice.
Piacenza: iscrizioni e cessazioni annuali, serie storica

Schermata 2017-02-03 alle 13.13.02-2

Nel confronto con le province vicine e nell’ultimo anno, Piacenza risulta essere quella che ha subito la contrazione maggiore nello stock delle imprese registrate. Nel periodo più ampio 2010-2016 Lodi ha conseguito un risultato più negativo 

Tassi di variazione delle imprese registrate: 2010-2016

Schermata 2017-02-03 alle 13.13.10-2

Il territorio costituito dall’aggregazione Piacenza, Parma, Reggio Emilia (così come risulta a seguito delle decisioni assunte dai rispettivi Consigli camerali lo scorso 30 gennaio) ha retto di più in questo lasso temporale, segnando una riduzione pari al 4,1% del complesso di imprese registrate.

Incidenza dei settori: confronto Piacenza –aggregazione Piacenza-Parma- Reggio Emilia

Schermata 2017-02-03 alle 13.13.16-2

Rispetto alla sola Piacenza, nella nuova aggregazione la numerosità del manifatturiero e delle costruzioni è più alta mentre inferiore è quella di agricoltura e commercio. 
Se nel complesso il numero di imprese che hanno sede nelle tre province è pari al 28,62% del totale delle imprese emiliano-romagnole, nelle costruzioni, nella manifattura e in agricoltura l’incidenza è ancora maggiore. Tende a delinearsi quindi un quadro strutturale modificato nel quale dovranno muoversi le future politiche camerali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Le spaccano la faccia contro una cancellata per rapinarla della borsa

  • Scaraventano un cancello contro la polizia per scappare dopo il colpo: quattro arresti

  • Cacciatore cade in un dirupo e muore

  • Cene e ritrovi clandestini in due locali, blitz della finanza: multa per tutti e attività sospesa

  • L'annuncio di Bonaccini: «La regione torna “zona gialla” da domenica»

  • Nuova ordinanza della Regione: aperti i negozi nei festivi. Ma si rimane in fascia arancione

Torna su
IlPiacenza è in caricamento