Callori (Fd'I): «Migliore monitoraggio torrenti appenninici e tutela loro habitat»

Il consigliere evidenzia che il concetto di Deflusso minimo vitale, utile per salvaguardare l'ecosistema dei corsi d'acqua, deve essere rivisto e adeguato al cambiamento climatico in atto

Callori

Il cambiamento climatico in atto, con l’incremento di fenomeni naturali sempre più violenti sia nei periodi di siccità che di pioggia, fa da sfondo all’interrogazione di Fabio Callori di Fratelli d’Italia, che pone l’accento sui conseguenti danni ad ambiente e agricoltura. In particolare, sottolinea, l’importanza di adeguare il concetto di Deflusso minimo vitale (Dmv) alla realtà e di renderlo più sostenibile: «È necessario equilibrare le esigenze di salvaguardia ambientale con quelle di tutela dell’economia agricola, senza con ciò venire meno alla difesa degli ecosistemi».

Fabio Callori chiede dunque alla Giunta un impegno concreto in tal senso, riconoscendo che «il Dmv non è solo un numero né una semplice formula e la sua definizione impatta fortemente sulla vita di aziende agricole vocate alla produzione alimentare di eccellenza, oltre che su habitat ed ecosistemi». L’invito del consigliere all’esecutivo è di utilizzare il valore mediano dei dati giornalieri delle portate dei corsi d’acqua per fornire «un modello più aderente alla variabilità del regime idrologico dello stesso». Tale valore sarebbe infatti più efficace del valore medio «che, pur tenendo conto dei picchi quantitativi delle portate, non può descrivere adeguatamente la variabilità idrologica del corso d’acqua connessa a eventi di piena di breve durata temporale».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tale aspetto riguarderebbe soprattutto i torrenti appenninici, caratterizzati da cicli idrologici con piene improvvise, di breve durata e forte intensità, alternate a prolungati periodi di secca, durante i quali si forma un habitat dal forte valore ambientale. Su quest’ultimo occorre una maggiore attenzione per «preservare la reale, effettiva e specifica naturalità del torrente appenninico».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Esce di strada e si ribalta in un campo, muore a 32 anni

  • Ruba scarpe da 40 euro ma nella mascherina ne ha più di 6mila: nomade denunciata

  • Tenta un sorpasso a velocità folle poi si ribalta e tenta di scappare a piedi: denunciato

  • Nina Zilli porta Guido Meda in giro per la Valtrebbia

  • Cavo nel bosco ad altezza gola, ciclista piacentino salvo per miracolo

  • Diventano parenti al matrimonio e poi si picchiano al bar: due feriti e una denuncia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento