Gibertoni (Misto): «Decennio di tagli a posti letto in ospedali e assistenza domiciliare al palo»

«Scelte di politica sanitaria (nazionale e regionale)hanno portato nell'ultimo decennio al taglio di oltre 3 mila posti letto negli ospedali regionali senza sviluppare al contempo assistenza domiciliare, reti sanitarie territoriali e telemedicina»

Con la richiesta di un pronunciamento su quattro considerazioni finali contenute in un'interrogazione, Giulia Gibertoni (Misto) ripercorre la storia della Sanità regionale nell’ultimo decennio che, secondo un calcolo approssimativo, avrebbe subìto un taglio di oltre tremila posti letto negli ospedali del territorio. Nell’interrogazione presentata oggi, si sottolinea come la riduzione dei posti nella rete nosocomiale abbia una valenza a se stante che è stata acuita “dall’emergenza del nuovo coronavirus”, dal momento che ha reso manifeste “le condizioni in cui versa il nostro sistema sanitario nazionale e regionale.

”Oltre alla riduzione di letti attuata negli anni scorsi a livello regionale per ottemperare alle linee guida emanate a livello nazionale, si punta l’attenzione alla cronaca di questi giorni: “nell’attuale fase di ripresa delle attività ordinarie delle strutture sanitarie pubbliche- scrive Gibertoni- si apprende che molte di esse si accingono a effettuare una nuova riorganizzazione, spostando posti letto verso il privato per affrontare le fragilità delle condizioni logistiche di alcuni padiglioni degli ospedali con più elevata densità di ricoveri”.

Il riferimento esplicito è alla lettera inviata dal Direttore Generale dell’Ospedale Sant’Orsola di Bologna nei giorni scorsi ai dipendenti degli ospedali cittadini nei quali - scrive la consigliera - si annunciava una “ricognizione di circa 400 posti letto oltre a una serie di attività ambulatoriali che potrebbero essere dirottate verso il settore privato”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A fronte di un impoverimento, nazionale e locale così descritto, la capogruppo auspica un’inversione di tendenza con l’incremento dei posti letto ma anche attraverso “il potenziamento delle reti sanitarie territoriali, l’assistenza domiciliare e la telemedicina”. Analogo giudizio è poi richiesto sia “sull’annunciato taglio di 400 letti e ambulatori espresso dal Direttore Generale dell’Ospedale Sant’Orsola di Bologna”, che, in maniera più generale, “sul definanziamento e impoverimento del sistema sanitario pubblico attuato nell’ultimo decennio in modo evidente anche dalla Regione Emilia-Romagna".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Muore a 29 anni travolto da un furgone pirata

  • Frontale a Castellarquato: muore un uomo, altre due persone sono gravissime

  • Scontro Cavanna-Burioni sull’utilizzo della idrossiclorichina per combattere il Covid

  • Travolto da un Tir mentre cammina al buio sul cavalcavia, 24enne in fin di vita

  • Frontale lungo la Provinciale, muore in auto di fianco alla moglie

  • Nuovo Dpcm: Conte ha firmato, che cosa cambia da domani

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento