rotate-mobile
Martedì, 7 Febbraio 2023
Il confronto

Area camper, ex Acna, controlli di vicinato: l’intesa tra maggioranza e minoranza

Approvati nove Ordini del giorno al Dup su dieci in Consiglio comunale. Clima di collaborazione tra le forze politiche

Dopo un vivace confronto a porte chiuse tra i capigruppo, si è disputato un Consiglio comunale all’insegna dal fair play e della collaborazione tra maggioranza e opposizione, nella seduta del 5 dicembre. Sono stati approvati quasi tutti e dieci gli ordini del giorno al Dup (il documento unico di programmazione dell’ente) presentati dalle opposizioni, ad eccezione di uno per il quale è stato chiesto il ritiro.

Il sindaco Katia Tarasconi ha rimarcato la volontà di premiare suggerimenti e proposte pervenuti da centrodestra e sinistra. «Ringrazio i consiglieri di maggioranza - ha detto il sindaco - che stanno dando prova di ascolto, vogliamo trovare una linea collaborativa con l’opposizione». Patrizia Barbieri (Civica Barbieri) e Stefano Cugini (ApP) hanno voluto invece sottolineare il clima collaborativo promosso dalle forze politiche d’opposizione.

GLI ORDINI DEL GIORNO

Da Massimo Trespidi (Civica Barbieri) l’invito a realizzare parcheggi, alberature e verde attrezzato nell’area ex Acna. D’accordo la Giunta sulle prime due proposte, mentre invece per il “verde attrezzato” l’assessore all’urbanistica Adriana Fantini prende tempo: «Vogliamo fare una riflessione più ampia su tutta la città. Decideremo se sarà un verde per la schermatura o per scopi ludici e sportivi».

Sara Soresi (capogruppo Fd’I) ha chiesto l’impegno per apportare migliorie all’area di sosta camper di viale Sant’Ambrogio («a partire dagli orari, alla domenica l’attuale è chiusa»), oppure a predisporre un’altra «in un sito più idoneo». «L’area camper non è adeguata- è la risposta dell’assessore ai lavori pubblici Matteo Bongiorni - alle nostre potenzialità. Piacenza non è in un circuito di attenzione per i camperisti. Logisticamente saremmo appetibili, ma bisogna garantire un’offerta migliore. Già la dislocazione non è consona». «L’orario di apertura è limitato e i camperisti scelgono le aree della provincia, piuttosto che avere vicino la stazione, il cavalca-ferrovia, i parcheggi, la sede del carroattrezzi».

Stefano Cugini (ApP) ha invece chiesto di effettuare lo studio di fattibilità sul celebre (in campagna elettorale) progetto dell’aerotaxi, nel programma della Giunta Tarasconi. «Non voglio ironizzare su questo tema come ha fatto qualcuno in campagna elettorale – ha detto il consigliere della sinistra - ma oggi le priorità sono altre: migliorare la mobilità su terra. Non si spendano soldi pubblici per studiare la fattibilità, si lasci ai privati questa incombenza». «La mobilità aerea avanzata – è il parere dell’assessore all’urbanistica Adriana Fantini – in futuro trasporterà persone e merci. L’obiettivo di valutare la possibilità di un aeroporto per far atterrare i veicoli aerei elettrici è da perseguire. Abbiamo la città invasa dai camioncini dei corrieri. Non è avveniristica, le aziende sono pronte a trasportare le merci in volo. Così come qualche tempo fa nessuno avrebbe scommesso sulla diffusione dei droni per scattare fotografie. È una risposta al tema dell’inquinamento, spendere risorse per valutare la cosa non è uno spreco». L’odg, su richiesta dell’assessore, è stato ritirato da Cugini. «Meglio con quei soldi dare gambe al Pums – ha puntualizzato Luigi Rabuffi (ApP) - non facciamoci prendere dalle suggestioni. «Siamo ancora in attesa del polo di ferro. Ritiro come atto di fiducia, però non vogliamo che si buttino via soldi per valutazioni che non riguardano il pendolarismo, ma un mezzo di trasporto elitario», è la chiosa di Cugini. «Non è un mezzo di trasporto elitario – ha preso ancora la parola l’assessore Fantini -. Non facciamone una questione demagogica, vogliamo studiare i luoghi di decollo della nostra città».

D’accordo anche sul «favorire la creazione di gruppi di controllo e di vicinato dei commercianti», proposta di Luca Zandonella (Lega). «Ci siamo incontrati un mese e mezzo fa – ha risposto il sindaco Tarasconi - con le categorie, avevamo chiesto già in quell’occasione di organizzare i gruppi, in special modo nelle aree più soggette a problemi».

Approvato anche un Odg di Gloria Zanardi (Fd’I) per favorire politiche di rimozione dell’amianto dagli edifici. Disco verde anche per alcune richieste della Civica Barbieri. Accolta la proposta di Nicola Domeneghetti (Fd’I) che chiede «l’autonomia energetica delle scuole, con l’impiego di pannelli fotovoltaici e l’installazione di impianti di ventilazione forzata per garantire il ricambio dell’aria nelle stagioni fredde».

Federica Sgorbati aveva chiesto all’assessore al welfare Nicoletta Corvi di proseguire il percorso di collaborazione con Lepida per la ristrutturazione di alcuni appartamenti per disabili. Barbara Mazza ha invece interrogato l’assessore al verde e all’ambiente Serena Groppelli per realizzare quanto stabilito dal Contratto di Fiume per la valorizzazione del fiume Po. Approvati anche due odg su temi già trattati in passato: il trasporto rapido di massa e la nuova sede della polizia locale.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Area camper, ex Acna, controlli di vicinato: l’intesa tra maggioranza e minoranza

IlPiacenza è in caricamento