rotate-mobile
Sabato, 13 Agosto 2022
Imprese / Castell'Arquato

Da una startup piacentina l’acqua per gatti delle fonti di Bacedasco  

L’idea, nata da un gruppo di amici nel 2020, si è trasformata in progetto con l’acquisizione di uno stabilimento in Val d’Arda. Poche settimane fa il lancio del prodotto

L’idea è nata quasi per gioco e a suggerirla non poteva che essere un felino: «Eravamo seduti a tavola, parlavamo di alcune patologie renali che affliggevano il gatto di Armanda e ci chiedevamo se non ci fosse nulla in grado di prevenire questo tipo di problema». Ridendo e scherzando – aggiunge Alberto Ricci, oggi project manager della società - l’ipotesi di trovare una soluzione è diventata realtà. Nel 2020 è nata Petsociety – water for pets, startup made in Piacenza fondata da Armanda Fariselli (la proprietaria del gatto di cui riferito sopra), Paolo Castaldi e Stefano Santi. Residenti tra la città e la Valdarda, eterogenei per età (il range è 50-65 anni) ed esperienze professionali - si va dal settore immobiliare all’agricoltura - i tre soci hanno dato vita «ad una startup innovativa, che ha avuto da subito riconoscimenti pubblici e contributi finanziari, sia regionali che della Camera di commercio» spiega Ricci, arquatese di adozione da dieci anni.

«Prima ci siamo guardati attorno - aggiunge - per capire se esistesse un prodotto pensato per evitare il manifestarsi di queste patologie diffuse nei gatti; abbiamo fatto delle ricerche nei ritagli di tempo e abbiamo scoperto che non c’era. A quel punto ci siamo detti: proviamo?». Il racconto prosegue con una raccolta «di tutto quello che c’era a disposizione sul tema dei calcoli urinari di gatti e cani; dopo un po' abbiamo “partorito” daily water». Il prodotto - un’acqua per gatti in bottiglietta (nella foto sotto) - nelle scorse settimane è arrivato sul mercato. «Si propone come un sostituto complessivo dell’acqua; microfiltrata e con un ph controllato, si prefigge di prevenire i calcoli renali, di mantenere in salute il tratto urinario e di stimolare l’animale da compagnia a bere di più».

                                                                          DaylyWater_fronte_bottiglia-2

L’attività si è radicata nel territorio della Valdarda: «Abbiamo acquistato una grossa cantina vitivinicola in disuso da tempo, nel luogo che ci interessava: Bacedasco» sottolinea Ricci. «A monte dell’area termale c’è un pozzo di acqua minerale non sulfurea, da lì siamo partiti per ottenere tutte le autorizzazioni del caso». Il lavoro di ricerca sui prodotti per il benessere animale intanto prosegue, con l’obiettivo di ampliare, a breve, l’offerta.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Da una startup piacentina l’acqua per gatti delle fonti di Bacedasco  

IlPiacenza è in caricamento