FiorenzuolaToday

Bilancio di previsione, Brusamonti e Mainardi: «Manca una visione politica sullo sviluppo della città»

Bocciato dalla minoranza il documento illustrato in Consiglio comunale dall'assessore Minari che dice: «A differenza dell'Amministrazione Compiani la nostra è una Giunta unita». Morganti: «Oggi Fiorenzuola si sta pian piano rialzando»

I banchi della minoranza in Consiglio comunale

Il bilancio previsionale del Comune di Fiorenzuola per il 2019 chiuderà in pareggio di quasi 27milioni e 700mila euro. Tra le variazioni più significative c’è quella in segno positivo per 168mila euro nei servizi cimiteriali, derivanti dalla cessione di nuovi loculi. «Abbiamo un maggiore introito con l’Irpef pari a 50mila euro e 100mila euro del Fondo di solidarietà comunale – ha illustrato l’assessore al Bilancio Marcello Minari -, in funzione dell’Imu trattenuta dallo Stato. Tra le entrate ci sono 167mila euro di contributi per il bando di rigenerazione urbana e in particolare di piazza Caduti (progetto intercomunale collegato alla Via Francigena nda). Avremo un aumento di 40mila euro rispetto ai 160mila dello scorso anno per quanto riguarda i finanziamenti per interventi collegati alla Legge 10; un milione 800mila euro per il recupero del tetto del Municipio; 100mila euro provenienti da un finanziamento a fondo perduto da parte del Governo per la manutenzione delle strade: il cantiere verrà avviato entro la metà di maggio. Prevediamo in linea con il 2018 gli introiti delle sanzioni relative alle infrazioni al Codice della strada. Previsto il rientro di 300mila euro dell’anticipazione di cassa alla partecipata ‘Fiorenzuola Patrimonio’». Tra le spese che l’Ente dovrà sostenere risulta un importo maggiore di 14mila euro per un totale di 194mila sugli asili e la prima infanzia, 114mila euro per il servizio minori e 74mila euro per il servizio disabili. 340mila euro sono stati stanziati per gli educatori nelle scuole, seimila per la protezione civile.

 «Avete distribuito il bilancio di metà mandato della vostra Amministrazione dove sostenete la mancata onestà intellettuale della Giunta Compiani. Ebbene, dopo quasi tre anni non potete di certo dire che quello che non è stato fatto a Fiorenzuola è colpa nostra» - ha detto Giuseppe Brusamonti (Pd) ex vicesindaco nel mandato 2011-2016 di Compiani. «Di ciò che avete promesso in questo bilancio – ha proseguito il consigliere - non si vede nulla. Rispetto a noi vi siete trovati di fronte a molti meno limiti e vincoli: è per questo che non abbiamo asfaltato le strade quando eravamo noi alla maggioranza. Le cifre illustrate e gli spostamenti piccoli o consistenti che siano, non fanno nessuna svolta in questo bilancio. Non avete una visione politica sullo sviluppo della città: vi siete limitati ad accogliere proposte per cercare di dare qualche soddisfazione». Sulla «mancanza di prospettiva di carattere generale» ha insistito anche il consigliere di Sinistra per Fiorenzuola Nando Mainardi: «Non ci sono idee forti in questo bilancio: è soltanto una lista della spesa dove atti totalmente ordinari vengono presentati come interventi significativi».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«A differenza della passata Amministrazione la nostra è una Giunta unita – ha ribattuto l’assessore Minari -. Nel 2019 dopo esserci ambientati abbiamo iniziato a proclamare qualcosa. Se la Giunta Compiani avesse avuto le mani legate il mancato sviluppo si sarebbe visto ovunque, non solo a Fiorenzuola. A Fidenza non c’era la crisi? Nella nostra città negli ultimi quarant’anni, a parte piccoli artigiani, non si sono insediati stabilimenti produttivi degni di nota. Questo perché le Giunte di prima non erano unite sui rispettivi obiettivi. Noi continuiamo a far vedere i risultati: saranno i cittadini di Fiorenzuola, tra due anni, a valutarci». Per il collega di Minari, l’assessore Massimiliano Morganti, «quello che è stato fatto è una questione di scelte politiche». Poi ha annunciato che a breve, questione di giorni, «il centro storico cambierà radicalmente volto con il rifacimento di via Maculani e via Liberazione in cubetti di porfido, l’asfaltatura delle piazze del mercato, piazzale d’Azzeglio e le vie Mazzini e Moruzzi. «Siamo arrivati con una piccola esperienza di Amministrazione ma oggi Fiorenzuola si sta pian piano rialzando».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Muore a 29 anni travolto da un furgone pirata

  • Un 28enne di Cadeo la vittima del tragico incidente a San Giorgio. E' caccia al furgone bianco

  • Frontale a Castellarquato: muore un uomo, altre due persone sono gravissime

  • Scontro Cavanna-Burioni sull’utilizzo della idrossiclorichina per combattere il Covid

  • Frontale lungo la Provinciale, muore in auto di fianco alla moglie

  • Nuovo Dpcm: Conte ha firmato, che cosa cambia da domani

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento