rotate-mobile
Mercoledì, 26 Gennaio 2022

Il "Taxi sociale" per andare a curarsi. «Così garantiamo autonomia ai nostri anziani»

Un aiuto gratuito per la mobilità, rivolto ai cittadini over 65, che necessitano di recarsi presso strutture sanitarie per visite mediche o nei punti vaccinali. Nasce grazie a Comune, concessionaria Bussandri e Auser. Partirà dal 15 marzo

Si chiama “Taxi sociale” ed è un valido aiuto gratuito per la mobilità, rivolto ai cittadini over 65 di Fiorenzuola, che necessitano di recarsi presso strutture sanitarie per visite mediche o nei punti vaccinali. Nasce grazie all’unione delle forze di pubblico e privato, Comune, la concessionaria Bussandri e l’associazione di volontariato Auser. Partirà dal 15 marzo. A partire dal 15 marzo prenderà il via il servizio di accompagnamento rivolto alle persone anziane in condizioni di ridotta mobilità, disagio economico o prive di un’idonea rete familiare di supporto. Si potrà richiedere anche di essere accompagnati in farmacia o a fare la spesa ma si darà priorità a chi di deve recare in strutture sanitarie. Il servizio viene effettuato direttamente dall’associazione Auser Fiorenzuola, attraverso i propri volontari: lo aveva ideato due anni fa l’ex presidente Luciano Guarinoni. Come spiegato in conferenza stampa le prenotazioni andranno fatte almeno 48 ore prima del servizio richiesto al numero 388 8772658, dalle 9 alle 12 dal lunedì al venerdì. I trasporti saranno invece garantiti negli stessi giorni dalle 8 alle 14. Il mezzo è stato messo a disposizione dalla concessionaria Bussandri. I titolari e l’Amministrazione comunale hanno lanciato l’appello ad altre aziende del territorio che volessero contribuire alle spese per l’avvio del “Taxi sociale”. Oltre al Comune ha contribuito la Fondazione di Piacenza e Vigevano. Nel video le interviste a Paola Pizzelli (assessore Politiche sociali del Comune di Fiorenzuola), Franco Pastorelli (presidente Auser) e Federica Bussandri (titolare concessionaria).

Video popolari

Il "Taxi sociale" per andare a curarsi. «Così garantiamo autonomia ai nostri anziani»

IlPiacenza è in caricamento