Il sindaco di Caorso: «Bisogna individuare al più presto il deposito nazionale»

La centrale termonucleare piacentina venne avviata nel 1981 e chiusa dopo cinque anni. Il primo cittadino Battaglia: l'area deve essere riportata a "prato verde"

A sinistra l'ingegnere Severino Alfieri e a destra il sindaco di Caorso

«La centrale nucleare di Caorso è la più grande e potente d’Italia: venne costruita tra il 1960 e il 1970 e prese avvio nel 1981. Nell’ottobre del 1986 l’impianto venne fermato per la periodica ricarica del combustibile e, a seguito dell’esito del referendum sul nucleare, non venne più riavviato. La centrale, nel suo pur breve periodo di esercizio, produsse circa 29 miliardi di kilowatt-ora». L’ingegnere Severino Alfieri, direttore delle operazioni di smantellamento delle centrali oggi gestite da Sogin, ricorda così quella che fu la breve storia della centrale piacentina. Il proseguimento delle operazioni di decommissioning - lo smantellamento - con l’avvio del trasporto dei rifiuti radioattivi nell’impianto di Bohunice in Slovacchia, l’Amministrazione comunale lo attendeva da tempo. Alla conferenza stampa di annuncio delle operazioni c’erano anche il sindaco di Caorso Roberta Battaglia e l’assessore Luigi Bongiorni. «Siamo soddisfatti, Caorso ha però bisogno di un deposito nazionale in cui trasferire definitivamente, nel corso degli anni, il materiale radioattivo» ha detto Battaglia che con Sogin, negli ultimi tempi, si è confrontata anche sul tema della sicurezza: «E’ stato promesso un importante investimento per risolvere i problemi legati alla tutela di tutti i lavoratori» ha detto. Il futuro dell’impianto «deve essere la dismissione, sappiamo che ci vorranno ancora tanti anni: senza il tassello fondamentale del deposito nazionale questo sarebbe un problema. La giornata di oggi è un buon segno, ma deve l’area deve essere riportata a “prato verde”».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piacenza, tutte le attività commerciali che sono aperte e fanno consegna a domicilio

  • «Un anziano ammalato di Covid in gennaio a Piacenza potrebbe essere il paziente 1». Inchiesta di Report in una clinica piacentina

  • Provincia in lutto, se ne è andata Roberta Solari

  • Coronavirus, la situazione nei comuni del Piacentino aggiornata al 31 marzo

  • Covid-19, a Piacenza continuano a calare decessi e contagi

  • Coronavirus e decessi, i numeri non tornano: se le vittime fossero molte di più?

Torna su
IlPiacenza è in caricamento