menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Don Pietro Cesena

Don Pietro Cesena

Don Cesena: «Non pagate le multe della polizia, non abbiate paura di venire a messa»

Il sacerdote della parrocchia di Santi Angeli Custodi a Borgotrebbia invita alla disobbedienza. La polizia interviene perché all'interno della chiesa si trovavano alcuni fedeli, nonostante i divieti. Il vescovo Ambrosio: «Tutti dobbiamo rispettare le misure, chiedo un comportamento responsabile»

Sono in corso in queste ore da parte della polizia alcuni accertamenti sulla presenza di diversi fedeli alla messa domenicale nella chiesa di Santi Angeli Custodi a Borgotrebbia. I poliziotti hanno acquisito al termine della funzione, celebrata da don Pietro Cesena, alcune informazioni anche dallo stesso parroco. All'interno della chiesa erano presenti diverse persone, comunque pare a distanza di sicurezza. Le celebrazioni religiose non sono vietate, ma sono a porte chiuse (i fedeli non sono ammessi nemmeno a distanza). La stessa funzione, come altre, viene trasmessa in streaming. 

don pietro cesena-4Durante la sua omelia il sacerdote ha toccato ovviamente il grande tema dell’attualità di queste settimane, invitando anche alla disobbedienza dei divieti. «La gente sta impazzendo – ha detto dall’altare don Cesena - il Coronavirus ci sta tenendo chiusi nella case. L’esperienza cristiana è proprio l’opposto, è andare incontro agli altri. Le porte della Chiesa sono chiuse, ma Cristo supera tutte le barriere e le porte». «Non ci mancano solo i soldi per far ripartire e ricominciare. Per quello serve anche altro», ha detto riferendosi anche alla crisi economica. Ancora più esplicito sulla partecipazione alla messa. «Non pagate le multe della polizia, non abbiate paura di venire a messa. È anticostituzionale, è qualcosa di oppressivo. Andremo dai giudici e tutto questo vedrete che verrà messo in discussione». 

Lo stesso vescovo monsignor Gianni Ambrosio, a distanza di qualche ora, ha inviato una lettera ai sacerdoti e ai diaconi – oltre che alla stampa – in cui esprime - ancora una volta - la linea della Diocesi, rispettosa delle misure di contenimento della pandemia. «Ritengo doveroso – spiega monsignor Ambrosio - ricordare ai tutti voi la necessità di osservare le misure di sicurezza che la Conferenza Episcopale Italiana ha comunicato e più volte ribadito, sempre in stretto contatto con il Ministero dell’Interno e con la Segreteria di Stato della Città del Vaticano. Sono misure che, con sofferenza di tutti, dobbiamo osservare con rigore, come più volte ho comunicato, anche in comunione con i Vescovi dell’Emilia Romagna. Si possono discutere, certo, ma sono da osservare ovunque, soprattutto poi in quei luoghi, come qui a Piacenza, ove abbiamo una tremenda responsabilità, perché il numero dei contagi e dei defunti è impressionante. Ricordo pure che la non osservanza di queste misure comporta una ‘contestazione’ da parte delle Forze dell’ordine, come purtroppo accaduto oggi. Come Padre e Pastore, so che quanto è accaduto è stato mosso da una volontà di bene e di amore per l’Eucarestia e per il popolo così sofferente, ma questo ci aiuti a vivere ancora più strettamente in comunione e a ricercare il bene di tutti. Speriamo che entro pochi giorni ci possa finalmente essere la possibilità di una parziale partecipazione alle celebrazioni, nel frattempo chiedo un comportamento responsabile da parte vostra. Vi ringrazio – conclude monsignor Ambrosio - e vi saluto con affetto».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

A Roncaglia sono partiti i lavori del maxi capannone

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Piacenza scongiura la zona rossa: si resta in "arancione"

  • Cronaca

    Il nuovo Dpcm "anti varianti": che cosa cambia fino a Pasqua

  • Economia

    Cattolica, si lavora ad un robot per la potatura dei vigneti

  • Cronaca

    Controllo del territorio e Covid, più pattuglie in strada

Torna su

Canali

IlPiacenza è in caricamento