Tagliaferri (FdI) interroga la Giunta sulla nuova disoccupazione a fine cassa integrazione

Il comunicato del consigliere regionale di Fratelli d'Italia

Tagliaferri

«Gli ammortizzatori sociali d’emergenza introdotti dal Decreto Cura Italia e perfezionati dal Decreto Rilancio sono stati programmati per 14 settimane. Le aziende che hanno fatto ricorso a tali ammortizzatori sin dal primo giorno – 23 febbraio – stanno dunque finendo in questi giorni la possibilità di usarli, la maggior parte invece che li ha attivati dai primi di marzo li finirà a metà giugno. Una cassa integrazione peraltro che non risulta ancora arrivata a tutti i dipendenti». Inizia così comunicato del consigliere regionale Giancarlo Tagliaferri (Fratelli d'Italia). 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Quando comunque sarà terminata emergerà il problema di quelle aziende che non potranno riprendere la loro attività a pieno ma, per motivi diversi – limiti ancora imposti dalle misure di sicurezza o diminuzione della richiesta per la crisi economica – dovranno lavorare a regime ridotto. Tale situazione provocherà un inevitabile esubero di personale. Il divieto di licenziamento sino al 17 agosto metterà poi le aziende nella condizione di scegliere se mantenere i lavoratori in esubero pagandoli senza utilizzarli – se ne avranno le risorse - o collocarli in aspettativa senza retribuzione magari aprendo contenziosi, salvo la complessa ipotesi dell’utilizzo di ammortizzatori sociali ordinari non applicabile a tutti. La misura di tutela dei lavoratori con il divieto licenziamenti sino al 17 agosto impedisce però agli stessi, finito il periodo di cassa integrazione, di accedere all’indennità di disoccupazione per 2 anni (NaspI), sussiste quindi il concreto rischio di dipendenti senza retribuzione per un periodo più o meno lungo, che si troveranno comunque poi ad essere licenziati a divieto finito. La ministra del Lavoro ha annunciato una possibile proroga sino a dicembre della cassa integrazione di emergenza Coronavirus, ma la cassa integrazione è uno strumento partecipato dalle aziende stesse con il 4% del monte salari. Il consigliere di Giorgia Meloni interroga la Giunta per sapere se si sia valutato a livello regionale il potenziale numero di lavoratori che rientri nella casistica descritta, ossia nella discrepanza tra fine cassa integrazione e divieto licenziamento. Se non intenda attivarsi presso il Governo al fine di chiedere la coincidenza del divieto di licenziamento con il termine degli ammortizzatori sociali, affinché i dipendenti in esubero e che causa crisi aziendali non potranno essere salvati possano almeno utilizzare il NaspI e quali misure, a livello regionale, intenda promuovere per recuperare tutti quei lavoratori che entreranno infine nel trattamento di disoccupazione per i prossimi 2 anni».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ruba scarpe da 40 euro ma nella mascherina ne ha più di 6mila: nomade denunciata

  • Tenta un sorpasso a velocità folle poi si ribalta e tenta di scappare a piedi: denunciato

  • Nina Zilli porta Guido Meda in giro per la Valtrebbia

  • San Polo, camion di pomodori si ribalta e perde tutto il carico

  • Diventano parenti al matrimonio e poi si picchiano al bar: due feriti e una denuncia

  • Rissa al Tuxedo, parla il gruppo dei campani: «Noi offesi, minacciati e insultati»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
IlPiacenza è in caricamento